Non solo Cinema,  Recensioni di documentari

L’inizio della vita (2016): recensione del documentario diretto da Estela Renner

L’inizio della vita è il titolo di un documentario del 2016 che, diretto dalla regista brasiliana Estela Renner, alza i riflettori sulla prima infanzia. Il docu-film dà la parola a educatori, psicologici, pedagogisti, imprenditori e genitori di quasi tutto il globo. Si scopre così che ogni mondo è Paese e che, nonostante le differenze culturali tra i vari Stati, i bambini hanno comportamenti analoghi. Un neonato viene al mondo già con il costante desiderio di apprendimento e un bisogno innato di autonomia. Se da un lato è importante che la madre nei primissimi mesi se ne prenda cura e perciò la società deve metterla nelle condizioni più agevoli per dedicarsi al piccolo, dall’altro si scopre che, quando le condizioni non lo permettono o anche per libera scelta, la mamma può essere sostituita da un’altra figura, a patto che il bambino si senta sempre al sicuro e amato.

Nel documentario si vedono così padri e nonni che accudiscono figli e nipoti. In altre famiglie il papà si alterna con la mamma in una costante ricerca dell’equilibrio. Nel filmato si ripropone inoltre il concetto africano che, per crescere un neonato, c’è bisogno di un intero villaggio perché il lavoro di cura non può ricadere solo sulle donne o sulla coppia. I governi centrali hanno il dovere di creare le condizioni favorevoli per far crescere il neonato sereno, così come gli enti locali. I bambini sono un patrimonio dell’umanità, non un ostacolo, e la cura è un bene prezioso a cui non si dà ancora il valore che merita.

L'inizio della vita

Ne L’inizio della vita, che trovate su Netflix, si vedono quindi bambini, genitori, mamme single, nonni e specialisti dell’infanzia di tutte le etnie che raccontano di un mondo magico ed incantato, fatto di giochi, magari non costosi né elaborati, che permettono ai più piccoli di apprendere giorno per giorno nuove abilità. I bambini, che non sono una tabula rasa, custodiscono infatti un patrimonio che i genitori, la scuola e la società in generale devono valorizzare e far emergere.

Il documentario – che è una produzione brasiliana ed è stato realizzato in collaborazione con l’Unicef – forse si disperde molto nella smania di affrontare i diversi aspetti di un argomento molto vasto. In questo modo si fa leva più sul versante emozionale che sulle conoscenze scientifiche. L’inizio della vita così fa affiorare emozioni ancestrali, perché, anche se non si hanno figli, ciascuno di noi è stato un bambino… m.i.

Per approfondire

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Commenta

shares