Non solo Cinema

Scarlett Johansson è Lucy, trama e recensione del film in onda su Italia 1

La trama, il trailer e la recensione di “Lucy” di Luc Besson, con  Scarlett Johansson. La pellicola va in onda su Italia 1 questa sera (5 aprile 2019)  alle 21.25.

lucy-scarlett-johansson

Cosa accadrebbe se usassimo il 100 per cento delle nostre capacità mentali? Se lo chiede Luc Besson, regista e sceneggiatore cinematografico che, dopo Cose Nostre – Malavita, porta sul grande schermo Lucy, film uscito al cinema il 25 settembre, con Scarlett Johansson, sempre più a suo agio nei panni della donna impavida. Besson gira un film filosofico, oltre che fantascientifico, quasi fuori dalle righe.

Il campo d’azione si sposta spesso, tanto che in soli pochi minuti lo spettatore fa una capatina nella savana, poi arriva nel centro di Taipei (Taiwan), dove una giovane e attraente donna discute animatamente con un uomo, e in un’aula universitaria. Tutto questo però non ci disorienta; anzi.

Ci appassiona perché quel filo che tiene unite le varie sequenze non ci lascia indifferenti.

Su, via. Ammettiamolo. Chi, almeno una volta, non si è chiesto da dove veniamo, chi siamo e qual è l’essenza della vita stessa? Domande che si pone anche un noto docente universitario, interpretato da un impeccabile Morgan Freeman. Besson mette nelle mani di una donna il destino dell’umanità. Una scelta non casuale. Lei, la protagonista, si chiama Lucy (Scarlett Johansson) ed è una studentessa universitaria che vive a Taipei e che è coinvolta nel traffico di una nuova sostanza stupefacente, prodotta in piccola dose dalle donne in gravidanza proprio per dare all’embrione l’energia che gli serve per continuare a svilupparsi, fino a diventare feto.

Lucy film

Ma la sacca, che i narcotrafficanti hanno inserito nello stomaco di Lucy, scoppia e una parte della droga finisce nell’organismo della ragazza che comincia così a compiere azioni straordinarie, riuscendo a utilizzare alla fine il 100 per cento delle capacità mentali. E un po’ come accade a Eddie Morra (Bradley Cooper) in “The Limitless” (i due film sono molto diversi sia per la trama, sia per il genere), la giovane donna non ha più paura, si fida di se stessa e ricorda tutto quello che ha visto, letto o ascoltato in passato, anche senza particolare attenzione. A differenza di Eddie, Lucy scopre il significato della vita stessa andando indietro nel tempo fino a comprendere poi che il Tutto è energia.

Il Cinema di fantascienza dunque, dopo aver varcato i confini dello spazio, si dedica alla mente umana (lo avevamo già detto con Transcendence”), compiendo un nuovo e appassionante viaggio, per seguire, in modo certamente fantasioso, le orme della neuroscienza. A rendere Lucy un film convincente è Scarlett Johansson, che qui sa essere ragazza timorosa e donna audace con estrema disinvoltura. Senza la talentuosa attrice questo lungometraggio non sarebbe stato lo stesso e quel finale fin troppo in sospeso avrebbe finito per penalizzare un film che, oltre a stupire con gli effetti speciali, si prefigge comunque di dire qualcosa (Recensione di Maria Ianniciello).

Trailer

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Commenta

shares