Non solo Cinema

“Dallas Buyers Club”, la recensione di un film da Oscar

DBC-FP-082613-0807_R

 

“Dallas Buyers Club” ci riporta indietro di trent’anni nel Texas degli anni Ottanta, dove ammalarsi di AIDS era come aver commesso un crimine. Diretto da Jean-Marc Vallée, il film non lascia indifferenti dall’inizio alla fine non solo perché s’ispira a una storia realmente accaduta, ma anche perché affronta temi controversi, come l’intolleranza e i pregiudizi che conducono all’omofobia, la paura ossessiva per quelle persone considerate dalla società “diverse”. Ma che cos’è la normalità, se tutto è soggettivo? Ron Woodroof (Matthew McConaughey) è un cowboy di Dallas, quindi è un “duro”, uno che non molla mai; ritenuto dagli amici e dalla comunità un individuo “normale” perché ama il rodeo e le belle donne, per l’uomo le cose si mettono male quando, dopo un malore, scopre in Ospedale di aver contratto il virus dell’HIV e di avere solo nove linfociti, anziché migliaia. Ron, che ha avuto un rapporto non protetto con una tossicodipendente, è a un passo dalla morte, ma lui non vuole morire e comincia a fare una serie di indagini che lo portano nel mondo sconfinato e contraddittorio delle case farmaceutiche, le quali pur di far business sono disposte a tutto, anche a mettere a rischio la vita dei pazienti. Ron cerca di sottoporsi alla sperimentazione dell’Azt (un farmaco nocivo per la salute, usato per sconfiggere il virus), ma invano. E, sempre più malato e debole, lui giunge in Messico, dove lo curano con un mix di medicinali e vitamine non approvati negli Usa dall’FDA. Ed è a questo punto che Woodroof comincia a contrabbandare farmaci non autorizzati creando appunto il Buyers Club per aiutare gli ammalati che dovranno versare una quota associativa di quattrocento dollari per ricevere la merce.

Accanto a lui, c’è il transessuale Rayon (Jared Leto), per me il personaggio più commovente del film. Rayan diventa per Ron un amico sincero e in un certo senso favorisce anche la catarsi del protagonista, che certo non diventa un santo ma almeno esce dall’atteggiamento di omofobia che lo contraddistingueva. Tra gli altri personaggi anche la dottoressa Eve Saks (Jennifer Garner), un medico sensibile ai bisogni dei pazienti e che gradualmente si appassiona alla causa di Woodroof. Dallas Buyers Club è una pellicola da Oscar (sei le nomination ricevute) sia per l’interpretazione di McConaughey e Leto, sia per l’argomento affrontato in maniera lucida e obiettiva, nonostante si tratti di storia recente. Una tematica trattata già in altre pellicole; una su tutte Philadelphia di Jonathan Demme che fece vincere l’Oscar come migliore attore protagonista a Tom Hanks. Chissà che la storia non si ripeta con McConaughey, che esce da questo film completamente trasformato, per non dire rivalutato. L’attore, dopo aver interpretato ruoli che lo vedevano come il belloccio di turno, veste infatti i panni di un uomo dalla personalità impegnativa; un personaggio fortemente realistico e coerente che appassiona per il suo attaccamento alla vita e per la voglia di perorare una causa ostica, mettendosi contro le case farmaceutiche e il Governo pur di aiutare se stesso e gli altri malati. Da vedere, assolutamente!

Trailer: http://youtu.be/ZC4TpCMTrgU

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Commenta

shares