culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Senza categoria

Will Smith ladro nell’ultimo film Focus, recensione

La trama e la recensione dell’ultimo film di Will Smith “Focus – Niente è come sembra” al cinema dal 5 marzo.

Valutazione film 3 out of 5 stars (3 / 5)

Will-ultimo-filmLa Will Smith mania non si arresta. Dal 1997 con Men in Black a oggi, l’attore di Philadelphia continua ad attirare, come una calamita, il suo pubblico che cresce sempre di più. E, nonostante qualche sbavatura e alcuni flop, come il deludente After Earth (2013), nel quale ha recitato accanto al figlio, protagonista indiscusso del film, Will Smith piace perché ha carisma, umiltà e il talento di un grande artista. I suoi fan lo associano ai personaggi che interpreta, perché in ognuno di noi c’è un pizzico di Chris Gardner de La ricerca della felicità (2006) oppure di Robert Neville di Io sono leggenda (2007). Will fa risvegliare l’eroe che è in noi ricordandoci che siamo in grado di esorcizzare la paura solo attraverso il coraggio. Will Smith si reinventa sempre, come ha fatto nel suo ultimo film Focus – Niente è come sembra diretto da Glenn Ficarra e John Requa. Nelle vesti di Nicky, ladro professionista, ci stupisce perché abbatte di nuovo gli schemi con un personaggio inaspettato e sui generis che usa l’arte della persuasione per le sue rapine. Nulla di positivo in quel che fa Nicky, il quale però è simpatico e affascinante oltre che per il suo aspetto anche per la sua genialità.

focus-recensioneNicky incontra per caso Jess (Margot Robbie), alla quale il protagonista deve insegnare i trucchi del mestiere e, quando ci è riuscito, se ne separa con forza per non farsi coinvolgere emotivamente. Il secondo tempo ci porta in Argentina, a Buenos Aires, dove il truffatore è stato ingaggiato da un imprenditore di Formula1 che si è fidanzato con la bella e bionda Jess. Ma ricordate: niente è come sembra e quindi… il colpo di scena è dietro l’angolo. In Focus le sequenze si susseguono e s’incastrano in un gioco di dettagli da cui trapela il non detto. Parole apparentemente scontate nascondono un’altra verità che la mente non può percepire perché è disorientata e distratta da immagini e suoni fuorvianti. E, come per Brad Pitt e Angelina Jolie in Mr. & Mrs. Smith, dietro il velo di apparenza c’è un’altra verità!

Nicky usa le tattiche dei mentalisti e degli illusionisti. Focus – Niente è come sembra, con una trama paradossale, ci fa capire come il nostro cervello è influenzato da una serie di messaggi, spesso in codice, che sono captati solo dalla nostra mente inconscia e che poi ci porteranno ad agire in un determinato modo, condizionando la nostra vita. Forse per sempre.

Maria Ianniciello

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares