Julianne Moore è “The English Teacher”, la recensione del film

the-english-teacher-locandina-italiana-clip-e-foto-della-commedia-romantica-con-julianne-mooreDa “L’attimo fuggente” a “Un sogno per domani”, da “Io speriamo che me la cavo” a “Il rosso e il blu”, il ruolo dell’insegnante e della scuola è stato protagonista di molti film, sia drammatici sia comici. Sicuramente “L’attimo fuggente” è la pellicola che più di tutte ha lasciato un segno indelebile nella memoria collettiva proprio per la lezione di vita che ci ha dato. L’8 maggio al Cinema è uscito “The English Teacher” con Julianne Moore nel ruolo della protagonista, la signorina Linda Sinclair, un’insegnante di letteratura inglese, ultra quarantenne, single, anzi “zitella”, e vecchio stampo, un po’ romantica e con la passione per i libri e l’arte in generale. Questo film, più che focalizzarsi sulla Scuola e sull’Arte, si concentra sulle vicissitudini di Linda. Julianne Moore è perfetta, con una carica espressiva sempre appropriata. L’attrice sa essere ironica, acida, sarcastica e sognatrice al momento giusto. Linda è una donna che non riesce a vivere fuori dagli schemi e quando prova a uscirne ecco che il gioco delle parti non regge più. A smontare pezzo per pezzo la vita della professoressa Sinclair ci pensa un ex alunno, Jason Sherwood (Michael Angarano), che ha studiato per diventare sceneggiatore a New York, dove però non è riuscito a sfondare. Nel cassetto Jason ha una nuova sceneggiatura, La crisalide. Il testo piace a Linda che fa di tutto per farlo rappresentare nella sua scuola, scontrandosi più volte con il padre di Jason, l’affascinante Tom Sherwood (Greg Kinnear). Ma, quando la professoressa Sinclair ha un rapporto occasionale sulla scrivania della sua aula con il giovane sceneggiatore, tutto cambia per Linda, che rischia di perdere così il lavoro, sul quale ha investito la sua esistenza. Ma, come si suol dire, non tutto il male vien per nuocere! La commedia “The English Teacher”, diretta da Craig Zisk, è gradevole, mai eccessiva anche grazie all’interpretazione di una straordinaria Julianne Moore che ama il suo lavoro, come ha dichiarato di recente a D di Repubblica. Per lei, infatti, recitare è uno dei tanti modi per conoscersi!

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento