I Trattati di Roma del 1957: in mostra le foto di Carlo Riccardi

Il 25 marzo 1957 fu una data storica per l’Italia e per l’Europa perché furono siglati i Trattati di Roma che misero le basi per la futura Unione Europea. Carlo Riccardi documentò quel momento, lasciandolo ai posteri attraverso le sue foto che saranno al centro di una mostra dal titolo I Trattati di Roma del 1957. Riccardi è stato il primo paparazzo della storia della fotografia italiana. Questa figura è descritta splendidamente da Federico Fellini nel celebre film La dolce vita, di cui Riccardi fu anche lui un po’ artefice.

Ma il fotografo ha anche immortalato i momenti salienti della storia repubblicana ed europea, come si evince dalla mostra che è stata organizzata con l’ausilio dell’Istituto Quinta Dimensione e dell’Agenzia Documentazione Fotografica AGR con la collaborazione de Il Centro per la Promozione del Libro e con il sostegno della Commissione Europea – Rappresentanza in Italia. La mostra I Trattati di Roma del 1957 è curata da Maurizio Riccardi e Giovanni Currado e si è aperta il 21 marzo 2017.

i-trattati-di-roma-del-1957-mostra-fotografie-carlo-riccardi

Avrete tempo per visitarla sino al 25 marzo 2017, il giorno dell’anniversario dei trattati di Roma. Le fotografie di Carlo Riccardi provengono dall’Archivio personale del fotografo. Potrete, dunque, cogliere particolari e conoscere volti di quell’importante momento storico, quando all’indomani della seconda guerra mondiale l’Europa guardava al futuro in modo più ottimistico per evitare gli orrori di un passato doloroso e angosciante. Con i trattati di Roma fu istituita la Comunità Economica Europea, che fu portata a compimento con la moneta unica e il cui processo tuttavia è ancora in atto. I trattati successivi perfezionarono quanto stabilirono a Roma, da cui tutto ebbe inizio. La mostra con le fotografie di Carlo Riccardi è allestita presso Palazzo Ferrajoli, in concomitanza con l’iniziativa Buon Compleanno Europa.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI