2 settembre 2012
Redazione (4056 articles)
Share

SENZA CHIEDERE IL PERMESSO

Pagine: 240 Prezzo - Euro 16 - In libreria dal 26 settembre 2012

Il corpo delle donne è stato un fenomeno dirompente: il documentario e il libro hanno mostrato a milioni di persone quanto in Italia un certo tipo di tv fosse diventato pervasivo e nocivo. Ma dalla denuncia occorre passare all’azione e Lorella Zanardo in questo nuovo libro dal titolo “Senza chiedere il permesso”, edito da Feltrinelli, focalizza la propria attenzione non sul problema ma sulla soluzione. Uno sguardo attento, quindi,  ai  giovani, cioè a coloro che possono inventarsi il futuro, senza chiedere il permesso alle generazioni che hanno costruito il mondo così com’è; e sono loro che possono guardare le immagini che vedono sugli schermi con occhi nuovi, consapevoli delle ragioni nascoste, dei messaggi sottintesi, degli stereotipi perversi che spesso esse veicolano.

In centinaia di incontri nelle scuole, Zanardo ha conosciuto tantissime ragazze e ragazzi, e proprio dai loro pensieri e dalle loro domande nasce la sua riflessione sul sistema dei media in Italia, che troppo spesso ci inonda di pensieri e immagini “tossiche”. Reclamando una vera e propria ecologia della mediasfera, l’autrice smonta il mito dell’audience. E, cercando di andare oltre la sterile diatriba sulla “qualità” televisiva, indaga sulle responsabilità, analizzando le possibilità del servizio pubblico e mettendo al centro del gioco il cittadino spettatore. Con il percorso per il consumo attivo della tv  “Nuovi occhi per i media”, scritto insieme a Cesare Cantù, fornisce uno strumento chiaro e accessibile per tutti coloro che non vogliono subire più il marketing televisivo, ma intendono riappropriarsi della loro capacità di comprendere, discriminare e criticare. Perché sono i cittadini consapevoli, pronti a rivendicare i propri diritti che possono cambiare la tv, i media e la società tutta.

Tags Attualità
Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.