culturaeculture.it il blog dei lettori. SOSTIENICI. ISCRIVITI QUI

Di tutto un po'

MILANO, LUTTO CITTADINO PER IL CARDINALE MARTINI

 

Il Comune di Milano ha proclamato il lutto cittadino per domani, 3 settembre, giorno in cui saranno celebrati i funerali del Cardinale Carlo Maria Martini. Per tutta la giornata negli uffici comunali saranno esposte le bandiere civiche a mezz’asta. La cittadinanza è invitata ad osservare un minuto di silenzio in concomitanza con l’inizio dei funerali previsto per le ore 16.

Carlo Maria Martini, nato a Torino il 15 febbraio 1927, era stato arcivescovo di Milano dal 1979 al 2002, quando gli è subentrato il cardinale Dionigi Tettamanzi. Martini, biblista ed esegeta dalle idee progressiste, si era poi trasferito a Gerusalemme dove aveva proseguito i suoi studi. Nel 2008 era tornato in Italia per curare il morbo di Parkinson e da allora risiedeva all’Aloisianum di Gallarate, dove il 31 agosto 2012 è morto.

culturaeculture.it il blog dei lettori. SOSTIENICI. ISCRIVITI QUI

Carlo Maria Martini è stato un sostenitore dell’ecumenismo e del dialogo interreligioso, a cominciare dall’ebraismo. Grande biblista e uomo dalla profonda cultura, ha sempre avuto una preziosa capacità di comunicare con le folle e attirare i giovani, anche grazie alle sue idee coraggiose. Ha pubblicato numerosi libri e scritti tra cui, a marzo “Credere e conoscere”, nato dalla conversazione avvenuta a più riprese con il chirurgo e senatore Pd Ignazio Marino: nel libro Carlo Maria Martini affrontava con coraggio una riflessione su alcuni dei temi più spinosi oggi per la Chiesa: inizio della vita umana, fecondazione artificiale e donazione degli embrioni, sessualità e omosessualità, celibato per i sacerdoti, fine vita ed eutanasia. A riprova di una vivacità intellettuale che lo ha accompagnato per tutta la sua vita. Per leggere il pezzo che gli abbiamo dedicato clicca qui.

Commenti

commenti

culturaeculture.it il blog dei lettori. SOSTIENICI. ISCRIVITI QUI

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Lascia un commento

shares