Di tutto un po'

Al Gemelli Patch Adams, ma che cos’è la clownterapia?

Patch AdamsE` notizia di alcune ore fa che Patch Adams – l’uomo che ha diffuso la clownterapia nel mondo – sarà al Policlinico Gemelli di Roma il prossimo 4 giugno, quando incontrerà i bambini dei reparti di Neurochirurgia infantile e Oncologia pediatrica. Abbiamo conosciuto il medico e scrittore statunitense grazie al film “Patch Adams” (1988). Nella pellicola c’è una sequenza in cui Robin Williams – che interpreta il famoso medico attivista – guarda il cielo e dice: «Va bene, analizziamo la logica. Tu crei l’uomo, l’uomo sopporta dolori ed enormi sofferenze, l’uomo poi alla fine muore. Avresti potuto lavorare un po’ di più prima di passare alla Creazione». Un monologo intenso, che termina con un sarcastico «non ne vale la pena», dopo il quale Hunter Doherty (questo il vero nome del dottore) si gira e trova le risposte che cerca in una farfalla, una creatura bellissima, destinata però a vivere poco.

Il significato profondo di questa scena si evince anche nelle frasi e nei gesti successivi e precedenti al monologo appena descritto. Tra questi c’è il celebre discorso agli studenti, in cui Patch spiega che il pericolo non è la morte, bensì l’indifferenza. Tale visione della vita ha indotto Hunter Doherty (nella foto in alto alla vostra sinistra) a diffondere la clownterapia che si avvale di una nuova figura professionale: il medico clown, il quale si occupa, oltre che del corpo e quindi della malattia, anche della psiche del paziente, con una terapia le cui medicine sono a base di ottimismo e buonumore. Ingredienti fondamentali per la guarigione o per affrontare, con serenità, il momento della morte. L’iniziativa del Gemelli è organizzata dall’Associazione “Ali di Scorta”, il cui presidente è Silvia Riccardi, e si suddividerà in due parti. Nella prima, in programma presso l’Aula Brasca, dalle 10.30 alle 12.30, Patch Adams racconterà della sua vita e del suo metodo. Nel seconda parte il medico incontrerà i piccoli pazienti dell’Ospedale.

patch adams2

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento

shares