A Palazzo Pitti le donne sono protagoniste del 900

donne protagonisteÈ stata inaugurata da poche settimane e al suo interno raccoglie abiti e accessori appartenuti a donne di spicco del secolo scorso. Stiamo parlando della nuova sezione della Galleria del Costume di Palazzo Pitti, uno spazio che a trent’anni dalla fondazione della galleria fiorentina intende fare omaggio alla figura della donna. “Donne protagoniste del Novecento”: un titolo che ben sintetizza il senso di questa nuova sezione di Palazzo Pitti, un percorso attraverso la moda del XX secolo. Abiti, accessori, stili riconducibili a donne che nel corso del Novecento si sono distinte in discipline e campi diversi, da Eleonora Duse a Patty Pravo, e che attraverso il loro modo di vestire hanno mostrato al mondo un modo di essere, comunicando verso l’esterno la loro creatività. Donne, infine, che pur nella capacità di distinguersi e di lanciare mode continuano a essere chiara espressione del loro tempo, il Novecento.

donne protagoniste 2IL PERCORSO ESPOSITIVO – Le sale della galleria accolgono l’allestimento progettato e realizzato dall’architetto Mauro Linari: un percorso che si snoda attraverso capi di diverso gusto. Il tutto ha inizio con le creazioni di Rosa Genoni, nota stilista italiana nonché giornalista e attivista contro la prima guerra mondiale. Donna di carisma e fervente oppositrice al successivo regime fascista, fu tra i primi a cogliere le potenzialità del settore della moda in Italia, promovendo il Made in Italy. A seguire è la volta delle tuniche realizzate da Mariano Fortuny per la diva del teatro Eleonora Duse e degli abiti di una delle maggiori figure della Belle époque italiana, Franca Florio. Seguono Maria Cumani, musa ispiratrice del marito Salvatore Quasimodo, Antonella Cannavò Florio, con i suoi romantici abiti di Schuberth, e l’esuberanza ed eccentricità di personalità quali le collezioniste di moda Anna Piaggi e Cecilia Matteucci Lavarini.donne protagoniste 1 Spazio, poi, a due creatrici di fantasie tessili stilisticamente agli antipodi, ossia Susan Nevelson, designer per Ken Scott, e Lietta Cavalli, sorella di Roberto. Esposti, infine, anche gli abiti d’alta moda appartenuti alla scrittrice Anna Rontani e quelli indossati da Patty Pravo durante tre edizioni del Festival di Sanremo. Ma accanto agli abiti la nuova sezione della galleria raccoglie accessori e soprattutto gioielli, dai bijoux di Flora Wiechmann Savioli e Angela Caputi agli intrecci delle donne del Rwanda, trasformati dai designers in pezzi unici.

Info: www.polomuseale.firenze.it

 

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Redazione

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: [email protected]

Lascia un commento