culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Non solo film

‘Mia e il leone bianco’: trama e recensione del film

Prima il circo e lo zoo, infine le battute di caccia e con esse una vera e propria strage che sta uccidendo e annientando il re degli animali: il leone. Tutto questo e molto altro ancora si evince nel film Mia e il leone bianco, uscita al cinema a inizio 2019 e adesso reperibile qui. Ma scopriamo la trama e vediamo di saperne di più nella recensione

Mia e il leone bianco: trama e recensione del film

Si tratta di una pellicola classico-moderna che fa leva su due sentimenti specifici e contrastanti per affrontare una tematica che ci riguarda tutti molto da vicino e sulla quale è impossibile chiudere gli occhi: la salvaguardia della natura e degli animali.

Accennavo prima alle emozioni che mi hanno dominato guardando Mia e il leone bianco. Sono sensazioni molto diverse: la prima è viscerale ed è la rabbia; l’altra si propaga dal cuore ed è la malinconia.

La rabbia per quanto sta accadendo in Africa e per il disinteresse collettivo; la malinconia per tutto ciò che resta (ben poco in realtà) di quel mondo acerbo ed incantato che Karen Blixen descrisse con piglio autobiografico nel romanzo La mia Africa, su cui si è basato il film – diventato un classico della cinematografia – con Meryl Streep e Robert Redford.

Mia e il leone bianco cinema trama recensione

In Mia e il leone bianco quella magia, che si respira nella pellicola cult, si evince come una lontana sfumatura nella leggenda del leone bianco, considerato sacro proprio perché raro in natura.

Il film emoziona fino alle lacrime e ci fa capire che gli esseri umani si suddividono in buoni, brutti e cattivi. Tra i buoni collocherei Mia (Daniah De Villiers); tra i brutti coloro che si adattano ad un sistema corrotto, altamente competitivo e che scendono a compromessi; tra i cattivi metterei i soliti noti, cioè chi gestisce davvero i soldi.

Gilles de Maistre gira una pellicola per grandi e piccini…

Il regista, Gilles de Maistre, ci porta in Sud Africa dove il padre di Mia gestisce un allevamento di leoni con non poche difficoltà dopo essersi trasferito da Londra. 

de Maistre si avvale del supporto dello zoologo esperto di leoni, Kevin Richardson, che da anni si batte per salvare i leoni in cattività e riportarli così allo stato selvatico.

Qualche curiosità: Il film, che è stato presentato alla Festa del Cinema di Roma, è stato girato in  tre anni: il giusto tempo per permettere di notare la vera crescita di Mia e del leone bianco che nella realtà si chiama Thor. Kevin Richardson ha supervisionato l’intero processo di produzione e  le interazioni tra leoni e bambini, affinché tutto si svolgesse nella  totale sicurezza.

Mia e il leone bianco: la storia di una grande amizizia

Il film narra è la storia una grande amicizia che nasce tra una ragazzina e Charlie, un cucciolo di leone, che le farà apprezzare il volto più autentico del continente nero.

I due crescono insieme, passano tre anni e Mia si accorge che questo profondo legame rischia di spezzarsi per cause esterne. La storia è coinvolgente e richiama alla mente altri film che descrivono il rapporto tra uomini e animali ma anche pellicole come per esempio Australia dove la modernità prende a schiaffi le antiche culture riducendole a pezzi da museo. Sebbene quest’ultimo aspetto sia solo accennato e si percepisce nelle scene finali del film.

Insomma consiglio ai genitori di far vedere ai bambini questa pellicola perché la Terra non può essere assoggettata. Della Natura noi facciamo parte e rispettarla, così come facevano le culture più remote della terra, è il nostro principale dovere. Disinteressarsene è un sacrilegio. Vi consiglio di guardare nel box in basso per gli approfondimenti. (Marica Movie and Books, seguimi sui social).

PER APPROFONDIRE 

IL CAST ARTISTICO DEL FILM  MIA E IL LEONE BIANCO  

Mia: Daniah De Villiers; Alice: Mélanie Laurent; John: Langley Kirkwood; Mich: Ryan Mac Lennon; Charlie: Thor; Kevin: Lionel Newton; Jodie: Lillian Tube; Dirk: Brandon Auret.

LA STRAGE DEI LEONI

IL TRAILER DEL FILM

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares