culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Non solo film

FESTIVAL ESTOVEST: VIAGGIO NELLA MUSICA ARMENA

© visivasnc – Fotolia.com

Secondo appuntamento il Festival “EstOvest”, in programma dal 19 ottobre al 9 dicembre 2012 in varie sedi a Torino, Savona e nella provincia di Cuneo. Venerdì 26 ottobre a Torino e sabato 27 a Monforte d’Alba si esibirà Il PROGETTO NOR ARAX e MKHITAR KETSSYAN, uno fra i più ricercati cantori e musicista di kamantcha, che presentano un viaggio a ritroso nella musica armena, dai nostri giorni a Sayat Nova, il più celebre dei trovatori del quale ricorre il 300° anniversario dalla nascita.

Il programma è diviso in due parti. La prima parte va dal padre della musica armena, Komitas, agli autori più rappresentativi della musica del XX e XXI secolo, come Aram Khatchaturian, Robert Andriassian, Arno Badadjanian, Hampartzoum Limondjian, fino al giovane compositore armeno Hovik Sardaryan, vincitore del concorso EstOvest 2012 al quale è stata affidata un’opera per viola e pianoforte ispirata ai temi dell’illustre trovatore. Questo repertorio musicale si mescola alla voce poetica della letteratura armena, una lingua arcaica che nel secolo scorso ha dato espressione al dolore e alla speranza di un popolo. Nelle opere di Osip Mandel’stam, Elise Ciarenz, Daniel Varujan, si racchiude una panoramica di autori del ‘900 che proietta anche uno sguardo verso il canto cortese di Sayat Nova.

La seconda parte è interamente rivolta a Sayat Nova (1712-1795): il principe dei “Gusan” o “Ashik”, i trovatori armeni. È l’autore di un migliaio di opere letterarie (oggi ne rimangono, però, solo 220, per lo più poesie) scritte in varie lingue: azero, armeno, persiano e georgiano. Sayat Nova è quasi sempre raffigurato con il kamantcha, strumento tipico di derivazione iraniana ma diffuso in tutta l’area caucasica e mediorientale. L’arte dei Gusan – trasmessa da maestro ad allievo tramite un lungo insegnamento orale ed individuale – è stata appresa anche da Mikhitar Ketssyan, fra i solisti più ricercati al mondo e fra i pochi ad incarnare il doppio ruolo di cantore e strumentista.

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Lascia un commento

shares