culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Non solo film

Al Cinema la Beat Generation: Giovani Ribelli

giovani ribelliE` stato paragonato a “L’attimo fuggente”, ma “Giovani Ribelli” non ha proprio nulla del film di Peter Weir, con Robin Williams nel ruolo del rivoluzionario professore John Keating. La pellicola di John Krokidas manca di intensità, di pathos, di scene che resteranno nella storia del Cinema. “Giovani Ribelli” non coinvolge, mai. Nemmeno per un istante.  Il film è un noioso resoconto degli anni in cui prese vita la Beat Genaration, il movimento artistico, poetico e letterario che nacque alla fine della Seconda Guerra Mondiale e si sviluppò nel Secondo Dopoguerra come reazione al conformismo accademico. I fondatori della Beat Generation rifiutavano infatti le norme imposte, a favore della sregolatezza e del sesso libero da ogni canone precostituito. Giovani-Ribelli-poster-itaLa trama ruota intorno alle peripezie del giovane poeta Allen Ginsberg (Daniel Radcliffe) che  si iscrive alla Columbia University, dove conosce Lucien Carr (Dane DeHaan). I due ragazzi cominciano a frequentare i locali di Manhattan sognando di realizzare qualcosa di unico, che oltrepassi la metrica e le norme stilistiche imposte dalla Poesia tradizionale. Le emozioni e i sogni della gioventù, che daranno vita alla Beat Generation, fanno solo da sfondo alle sequenze di un film che ha l’ambizione di voler essere un thriller. Allen e Lucien si innamorano, però tra i due c’è l’ombra ingombrante di David Kammerer (Michael C. Hall), lo scrittore bidello che sarà ucciso da Lucien nell’Hudson River, nel 1944. Il Film segue troppi filoni e inevitabilmente finisce per disorientare lo spettatore. Se il regista e lo sceneggiatore, per esempio, si fossero concentrati solo sulla ricostruzione del delitto oppure soltanto sull’aspetto letterario, cioè sulla nascita del movimento dei “poeti maledetti”, certamente il risultato sarebbe stato migliore.  Tra le note positive comunque c’è l’interpretazione di Daniel Radcliffe, l’eterno Harry Potter che si è calato in un ruolo difficile, interpretato con maestria, anche se il suo personaggio è mal costruito. Promette bene anche il nuovo Leonardo Di Caprio, il giovane Dane DeHaan che aveva già convinto in Come un tuono, nei panni di Jason. Daniel e Dane sono amici sulla scena come nella vita, tanto che è proprio Radcliffe a raccontare della loro amicizia, sostenendo che «Dane è l’amico più caro conosciuto sul set», e che la scena del famoso bacio gay è stata girata tanto in fretta da non creare alcun imbarazzo.

m.i. 

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares