culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Non solo film

A VENEZIA THE MASTER, IL FILM SU SCIENTOLOGY

A Venezia occhi puntati su “The Master” di Paul Thomas Anderson che concorre per la categoria Venezia 69 e che uscirà l’11 gennaio 2013 nelle sale cinematografiche italiane.  E’ una pellicola controversa non tanto per il contenuto quanto per le notizie ufficiali e ufficiose che sono state diffuse negli ultimi mesi. Sembra, infatti, che la trama ruoti intorno alla figura di Ron Hubbard, l’uomo che fondò Scientology.  Si dice che ordini dall’alto, camuffati come impedimenti logistici, ne avrebbero ritardato l’uscita.  E in effetti un certo nervosismo nelle risposte, soprattutto da parte degli attori Philip Seymour Hoffman e Joaquin Phoenix, si è evinto oggi in conferenza stampa. Anderson racconta due storie: la vicenda di Freddie Sutton, interpretato da Joaquin Phoenix, un veterano della marina con problemi di alcol, e la storia di Lancaster Dodd (Philip Seymour Hoffman), il carismatico fondatore del movimento religioso “La Causa”, una sorta di religione psicologicamente sofisticata e decisamente manipolatrice venuta alla luce in California dopo la Seconda Guerra Mondiale. In molti vedono un chiaro riferimento a Scientology, confermato proprio oggi dal regista che ha ammesso di essersi ispirato a questo movimento. Chiarimenti sul film e sui protagonisti anche da parte degli attori: «I due personaggi vengono da luoghi diversi ma sono nati dallo stesso materiale. Ambedue sono bestie selvagge che vogliono addomesticarsi», ha spiegato Hoffman in conferenza stampa. The Master sembra essere il favorito per il Leone d’oro. Staremo a vedere…

Maria Ianniciello


close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares