culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Non solo film

A VENEZIA E’ IL GIORNO DI “TO THE WONDER”

Grande attesa a Venezia per  “To the Wonder” di Terrence Mallick con Ben Rachel McAdams, Ben Affleck, Javier Bardem, Olga Kurylenko e Charles Baker. Presente al Lido, oltre all’attrice italiana Romina Mondello, che interpreta un piccolo ruolo, anche Olga Kurylenko, insieme ai produttori Sarah Green, Nicolas Gonda e Paolo Del Brocco che oggi hanno risposto alle domande dei giornalisti, incuriositi soprattutto per l’assenza di Affleck, che è impegnato sul set di un film, anche se  secondo fonti ufficiose il motivo potrebbe essere un altro: sembra non sia rimasto soddisfatto del suo personaggio…

Un velo di mistero aleggia anche sul regista che – come da prassi – non è apparso in pubblico, anche se  è a Venezia.

In “To the Wonter” si racconta la storia di Neil (Affleck), uno scrittore fallito sposato con Marina (Kurylenko).
 Neil e Marina non si sono mai amati; hanno una figlia, ma entrambi cercano la compagnia di qualcun altro al di fuori del tetto coniugale. 
Neil è attratto da Jane (McAdams), mentre Marina tradisce il marito con Charlie (Baker). Entrambi si rivolgono a Padre Quintana (Bardem), un prete troppo occupato a consigliare i suoi parrocchiani…

Altra pellicola degna di nota, ma fuori concorso, è  Love is all you need della regista Susanne Bier con Pierce Brosnan, Kim Bodnia e Trine Dyrholm. Occhi puntati anche su Fill the Void di Rama Burshtein; la trama ruota sull’eterno dissidio tra il voler e il dover fare…

Per informazioni sul programma di oggi clicca qui http://www.labiennale.org/it/cinema/mostra-69/calendario/2set.html

Maria Ianniciello

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares