Libri: recensioni & interviste

Michelangelo Pistoletto in mostra al Louvre

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

Pistoletto al LouvreL’arte italiana protagonista a Parigi. Oltre alla mostra dedicata ai Macchiaioli che si sta tenendo presso l’Orangerie, il prossimo 25 di aprile sarà inaugurato un nuovo progetto, volto a rendere omaggio all’artista contemporaneo Michelangelo Pistoletto.

In occasione dell’ottantesimo compleanno dell’artista piemontese, il museo più famoso al mondo, ossia il Louvre, ospiterà, infatti, una grande mostra interamente dedicata a lui, che sarà accompagnata anche da un ricco calendario di incontri, dibatti e performance nell’auditorium e nel giardino delle Tuileries.

Intitolata “Anno 1, il paradiso sulla terra”, la mostra di Pistoletto intende segnare il passaggio a una sorta di nuova era, caratterizzata da una trasformazione umana, sociale, culturale, politica e celebrata nel mondo intero lo scorso 21 dicembre 2012.

Un’esposizione che non sarà, però, relegata a un’area del museo, bensì inserita all’interno di più settori: i lavori di Pistoletto saranno infatti collocati in diverse zone del grande spazio parigino, in modo tale da interagire con le opere che vi sono conservate. Un dialogo, quindi, tra i vari pezzi d’arte presenti, in un continuo e reciproco rispecchiarsi l’uno nell’altro.

Dal sito www.pistoletto.it
Dal sito www.pistoletto.it

Ma tornando alla questione della rinascita, secondo Pistoletto i vari ambiti della nostra vita, dalla cultura alla scienza, passando per l’economia o la politica, assumerebbero oggi una nuova responsabilità, ossia quella di dare speranza di sopravvivenza all’umanità. Contrariamente a quanto spesso si è sentito dire in occasione dell’imminente arrivo del 21 dicembre 2012, quella data tanto discussa in realtà non ha segnato la fine del mondo, bensì, stando a quanto ritiene l’autore dei famosi “Quadri specchianti”, una sorta di rinascita, tanto che il giorno in questione è stato definito “Rebirthday”.

Una riflessione, la sua, che porterebbe a considerare il 2013 come il primo anno dalla rinascita, da qui il titolo della mostra: un concetto non sempre semplice da interpretare e che lo stesso artista avrà modo di spiegare anche in occasione dei numerosi incontri e approfondimenti paralleli alla mostra che si terranno proprio nei prossimi mesi.

La mostra rimarrà allestita sino al 2 di settembre e per conoscere tutti gli eventi collaterali è possibile consultare il sito del museo, costantemente aggiornato.

 

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Commenta