culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Libri: recensioni & interviste

La grande bellezza di Sorrentino diventa libro

SORRENTINO bassa“La grande bellezza” di Paolo Sorrentino è romanzo o meglio sceneggiatura, edita da Skira e scritta dal regista partenopeo con Umberto Contarello. La storia chiaramente è la stessa del film: il protagonista è Jep Gambardella, un giornalista che si aggira per le strade di Roma, cercando se stesso in un passato illustre, forse quello de “La dolce vita” di Federico Fellini o ancora dei suoi antenati. I personaggi sono come fantasmi  e, nonostante provino a divertirsi, si annoiano. Con questo libro, Paolo Sorrentino ritorna sugli scaffali, dopo Hanno tutti ragione (2010), il cui protagonista è un cantante che si chiama Tony Pagoda, il quale ricorda per alcune caratteristiche Gambardella. Il libro ci aiuterà a comprendere la versione cinematografica e soprattutto ad approfondirla.  Ne La grande bellezza – film acclamato all’Estero tanto da ricevere l’Oscar per il miglior film straniero – Sorrentino racconta  le contraddizioni e il fascino della città eterna, dove è stata scritta la Storia, quella con la S maiuscola.  La storia dell’Occidente, con i suoi usi e i suoi costumi, parte da Roma, nelle cui mura sono sintetizzate le guerre e le vicende storiche dei popoli che hanno reso grande l’Occidente, perché sia in epoca Cristiana sia nel periodo precristiano Roma dettava le regole. E forse è proprio per questo che “La grande bellezza” è piaciuta all’Estero e meno in Italia, un Paese che ha la memoria troppo corta per comprendere i suoi talenti…

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares