Non solo Cinema

L’Oscar a “La grande bellezza”? Il film di Sorrentino è “universale”

La-grande-bellezza-Film-2013-di-Paolo-Sorrentino1“La grande bellezza” vince l’Oscar per il miglior film straniero. Paolo Sorrentino, visibilmente emozionato sul palco del Dolby Theatre, ha ringraziato la sua famiglia, Fellini, Scorsese e Maradona, le città di Napoli e Roma nonché Toni Servillo, che era accanto a lui per ritirare la statuetta. Una grande soddisfazione, dunque, per l’Italia che con “La grande bellezza” è alla sua ventottesima nomination e al suo tredicesimo Oscar, battendo così i cugini francesi che di statuette ne hanno ricevute dodici. Prima di Sorrentino, a ricevere il prestigioso Premio dell’Academy nomi come Roberto Benigni con “La vita è bella” che nel 1999 ricevette altre due statuette, oltre a quella per il miglior film straniero, e Giuseppe Tornatore con “Cinema Paradiso”, senza dimenticare Vittorio De Sica, che fu premiato nel secondo dopoguerra addirittura con quattro statuette, Federico Fellini ed Elio Petri. Il Cinema italiano è stato ed è tuttora, come dimostrano i risultati ottenuti da La grande bellezza, sinonimo di eccellenza e di estro artistico. Grandi registi, come Bertolucci, attori del calibro di Anna Magnani, Sofia Loren e Marcello Mastroianni, musicisti, scenografi e costumisti hanno dato lustro, con le loro performance artistiche, all’Italia portando a Hollywood film e interpretazioni eccellenti.

la grande bellezza

“La grande bellezza”, come avevamo già rilevato in un altro articolo, è una pellicola che mette in evidenza non solo le straordinari doti interpretative di Toni Servillo, nel ruolo Jep Gambardella, un giornalista ormai disilluso che vive in una Roma disincantata, ma anche un Paese in decadenza che è ancorato a un passato illustre, dal quale non riesce a uscire per innovarsi e migliorare. Il regista partenopeo non ha girato il film con l’intenzione di raccontare Roma, bensì di descrivere il momento attuale di una Nazione che vive di luce riflessa. Paolo Sorrentino aveva spiegato in un’intervista rilasciata a Cultura & Culture a Bologna che il suo film parla di sentimenti: «L’attore protagonista s’interroga sul tempo che scorre e su come sarebbe stata la sua vita se avesse fatto scelte diverse», disse in quell’occasione il regista napoletano. Insomma, ancora una volta l’Academy premia una pellicola che racconta un’epoca di crisi d’identità, la quale non interessa e coinvolge solo l’Italia ma tutto l’Occidente.

Auguri a Sorrentino, al cast de “La grande bellezza” e a Medusa Film per questo risultato conseguito.

 

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Commenta

shares