culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Libri: recensioni & interviste

HUM, LA MOSTRA DI MASSIMO BARTOLINI

Massimo Bartolini

La Fondazione Musica per Roma inaugura una nuova serie di mostre dedicate all’arte del suono: One Space/One Sound. Si tratta di un progetto espositivo periodico che prevede tre appuntamenti l’anno, per lo spazio espositivo AuditoriumArte, con artisti che lavorano con il suono, ponendo grande attenzione al loro percorso, età e provenienza. Il progetto è rivolto a installazioni che hanno il suono come loro componente fondamentale, sia per la relazione con lo spazio che per la relazione con l’immagine visiva, scavalcando così la separazione tradizionale, oramai obsoleta, tra le discipline artistiche. Tratto comune di quest’arte del suono, nonostante le formalizzazioni più diverse, è proprio l’intrinseca relazione tra il suono, l’esperienza visiva e la percezione architettonico/spaziale. Si potrebbe quasi parlare di una spazializzazione sonora e, viceversa, di una sonorità tangibile, per raggiungere una nuova esperienza percettiva.

Il primo appuntamento con il nuovo progetto espositivo della Fondazione Musica per Roma è con la mostra di Massimo Bartolini che si inaugura domani, 23 novembre 2012. Il suono è sempre stato un elemento importante nel lavoro di Bartolini (Cecina 1962), che ora presenta la mostra “HUM”, dedicata a una delle figure più geniali ed enigmatiche del secolo scorso: Glenn Gould, in occasione dell’Omaggio a Glenn Gould con cui l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia celebra l’artista.

Con due inedite installazioni sonore costruite sull’idea della differita, realizzate appositamente per il contesto dell’Auditorium, Bartolini trasforma in maniera sorprendente gli spazi espositivi e crea un’atmosfera di intima suggestione, animata unicamente dalla presenza immateriale della voce, una voce senza corpo, che spogliata dall’ego della presenza dell’artista trova ora il suo senso ultimo nella presenza e nell’interpretazione dello spettatore.

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Leave a Reply

shares