culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Libri: recensioni & interviste

“Cercando Alaska” di John Green, libro che piace agli adulti

“Cercando Alaska” di John Green (Rizzoli), la recensione

Cercando AlaskaRipensando al periodo adolescenziale, nella nostra mente appaiono immagini di spensieratezza e di allegria, perché il passato è sempre meno doloroso del presente e meno inquietante di un futuro che per ovvi motivi di solito consideriamo incerto. Eppure l’adolescenza non è semplice, per nessuno. Ieri come oggi. Non si è né adulti, né bambini in quella fase “strana” della vita, quando il corpo si modifica, i cambiamenti d’umore sono costanti e le prime cotte sono insopportabili. Questo perché in realtà le terre di mezzo non sono mai facili da attraversare tanto che in quel preciso periodo un secondo di debolezza può diventare pesante quanto un macigno, soprattutto se affiorano ricordi di un’infanzia non proprio felice. John Green è uno scrittore statunitense che scrive per e sugli adolescenti, affrontando temi complessi con una semplicità che piace ai ragazzi, come dimostra il successo di “Colpa delle stelle” (Rizzoli), il romanzo diventato best seller che ha ispirato il film omonimo uscito al cinema il 4 settembre 2014. I conflitti tra adulti e adolescenti, il cancro vissuto da due giovani innamorati, il dolore della perdita, il primo bacio, la prima volta sono l’asse portante dei romanzi di quest’autore che conosce bene le paure, le inquietudini e le irrequietezze del teenager. Com’è evidente anche in “Cercando Alaska” (Rizzoli), il primo libro di John Green, pubblicato nel 2005, che appassiona anche l’adulto, perché quei sentimenti dopotutto li proviamo a qualsiasi età. Nel libro l’io narrante è quello di Miles, un ragazzo che si considera un po’ “sfigato” e che, per sfuggire alla sua vita noiosa e priva di amici, ricerca quello che egli stesso definisce il suo grande forse. Lo trova in Alabama, in quel di Culver Creek, un istituto scolastico, dove i figli di papà e i figli di nessuno si fanno scherzi di cattivo gusto a vicenda, perché la diversità fa paura. Soprattutto a sedici anni. Qui Miles incontra Chip, detto il Colonnello, e Alaska Young, una ragazza bella quanto complicata. La bionda teenager, a causa del suo difficile passato, è in preda a continui cambiamenti d’umore che la rendono particolare e allo stesso affascinante; le sue abitudini, non proprio sane, e i suoi sorrisi faranno innamorare Miles che però è sempre un passo dietro di lei, perché Alaska, per uscire dal suo labirinto, corre dritto e veloce… senza sosta! Senza aggirare l’ostacolo…

Maria Ianniciello

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares