culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Opinioni

L’INSEGNANTE PERFETTO?

© goodluz - Fotolia.com

Uno studente su cinque in Italia lascia la scuola dopo le medie. Dati allarmanti, che subiscono un’impennata in Campania, Calabria, Puglia e Sicilia e che dovrebbero indurre l’opinione pubblica, in primis il sistema scolastico nazionale, a una riflessione, ponendosi delle domande per trovare soluzioni celeri, in quanto è impensabile che in una Nazione come la nostra possano ancora esistere, dopo 150 di unità, situazioni di questo tipo.

L’Italia cammina in prima, come si suol dire. Non ha cervelli, non ha forze giovani e, quando ci sono, si preferisce farle emigrare all’Estero. Centomila ragazzi “scappano” dalla scuola perché demotivati da una forma mentis stantia, basata su formule didattiche inadeguate per la gioventù di oggi. Chi insegna (per fortuna non tutti) non ha passione e, anziché trasmettere gli strumenti del vivere civile, preferisce impartire sterili nozioni. E a questo punto voglio raccontarvi una storia, la mia storia…

Avevo 11 anni, ero una ragazzina timida e magrolina che frequentava la prima media. Gli anni ovattati delle elementari erano ormai alle spalle e io, piccola bambina indifesa, ero alle prese con un nuovo percorso scolastico che si preannunciava più arduo del previsto proprio a causa di tutte quelle materie sconosciute. Lo ricordo ancora, grande e celeste, con le sue pagine candide come la neve, oggi ingiallite, in cui vedevo personaggi a cavallo, i mulini a vento di Cervantes e… gli eroi di Omero, uno su tutti Achille. E poi lui, il mio paladino: Don Chisciotte. Rivedo ancora l’insegnante di Lettere che, con fare sognante e gli occhiali poggiati sul naso, ci faceva sfogliare quella “preziosa” antologia, regalandomi quegli strumenti di cui parlavo prima. Lei, la professoressa A., ha stimolato la mia fantasia facendomi amare le materie letterarie tanto che a chi, molti anni più tardi, mi spronava a iscrivermi a Giurisprudeza, rispondevo con un deciso: “No grazie. Preferisco Lettere!” Ed è stata lei che mi ha fatto amare il giornalismo, oggi il mio unico e solo lavoro; il mio grande amore! Quindi se adesso esiste CulturaeCulture.it lo dobbiamo alla professoressa A.

Maria Ianniciello 

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares