Vinicio Capossela e La Banda della Posta a Napoli

vinicio copI tempi sono cupi, si sa, ma non per questo bisogna lasciarsi abbattere dalle drammatiche contingenze che ci attanagliano da un bel po’ di tempo a questa parte. Bando alla tristezza, quindi, una immensa festa di paese trasformerà il villaggio dell’Arenile Reload di Bagnoli in un immenso catino dove festeggiare la vita con canti, balli sfrenati e deliziose degustazioni culinarie dei prodotti tipici dei Campi Flegrei.

Stiamo parlando di una serata assolutamente unica nel suo genere e avrà luogo proprio all’Arenile,  il prossimo 28 settembre, in occasione dell’imperdibile concerto che Vinicio Capossela terrà con la Banda della Posta. Fervono i preparativi per l’evento che ospiterà, tra l’altro, la Sagra degli Orti Flegrei: un unicum di tradizioni, ricordi, sapori e saperi pronti ad esplodere in una gigantesca festa che ospiterà fiumane di giovani in cerca di musica e allegria. Ad accompagnare Vinicio Capossela sul palco saranno Giuseppe Caputo “Matalena” al violino, Franco Maffucci “Parrucca” chitarra e voce, Giuseppe Galgano “Tottacreta” alla fisarmonica, Giovanni Briuolo chitarra e mandolino, Vincenzo Briuolo mandolino e fisarmonica, Giovanni Buldo “Bubù” al basso, Antonio Daniele alla batteria, Crescenzo Martiniello “Papp’lon” all’organo, Gaetano Tavarone “Nino” alle chitarre, insieme a Alessandro “Asso” Stefana, chirarra e Taketo Gohara.

©radiowebitalia.it
©radiowebitalia.it

Capossela, le cui origini sono irpine, è un maestro del coinvolgimento popolare, i suoi testi riescono sempre a conquistare il pubblico lasciandolo immedesimare nelle sue parole sempre fresche e sempre attuali. A giudicare dalle premesse, il repertorio offerto in scaletta sarà all’insegna delle più veraci tradizioni italiane: i classici ballabili da sposalizio anni ’50, una serie di omaggi, rivisitati da Capossela, incentrati sul tema dell’emigrazione e sulla tradizione rurale locale, saranno i veri protagonisti di tutto il concerto. Il ruolo di Capossela sarà quello di mattatore, cerimoniere e portavoce di un gruppo di musicisti che vivono la musica attraverso i filtri del cuore, concependola come occasione di gioia e festeggiamento. Quasi un baccanale quindi in cui “chi vuol esser lieto sia” all’insegna dei valori semplici e duraturi.

Posto unico 15+D.P.
Prevendite abituali.

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Raffaella Sbrescia

Raffaella Sbrescia

Raffaella Sbrescia è una giornalista iscritta all'ordine dei Giornalisti della Campania dal 2010 e blogger per il blog musicale "Ritratti di note". Dopo la laurea triennale in Lingue, culture e letterature dell'Europa e delle Americhe ha conseguito la laurea magistrale in Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea presso l'Università degli Studi di Napoli l'Orientale con il massimo dei voti. Da sempre interessata al mondo della musica, dell'antropologia, dei viaggi e della letteratura, per Cultura & Culture è responsabile della sezione eventi e spettacoli.

Lascia un commento