I migliori giorni, recensione del film

I migliori giorni, il film italiano uscito a Capodanno, è una pellicola inaspettata, dal retrogusto dolce-amaro perché apre a più spunti di riflessioni sull’individuo e su come quest’ultimo potrebbe comportarsi durante alcune festività.

I migliori giorni: recensione e trama

I migliori giorni, per i registi Massimiliano Bruno ed Edoardo Leo, sono a Natale, Capodanno, San Valentino e l’8 marzo. Certo, in questo film non mancano i personaggi stereotipati tuttavia la pellicola riesce a trasmetterci quel senso di confusione e frustrazione che sta attraverso la nostra società occidentale già prima del Covid.

A Natale

La parola chiave del film – che, va detto, non strizza assolutamente l’occhio alla Commedia all’italiana classica, perché mancano i malintesi – è Ipocrisia. Poi c’è la rabbia. Il lungometraggio è suddiviso in quattro episodi, ciascuno caratterizzato da una specifica festività. Nel primo si festeggia il Natale 2021, quando l’emergenza Covid costringeva le famiglie italiane a fare pranzi e cene molto ristretti, con pochi congiunti. Era anche il periodo dei vaccini anti Covid, della polarizzazione delle idee e delle discussioni infinite tra pro-vax e no vax.

Le famiglie si dividevano ed erano confuse ed arrabbiate. Ed è quello che accade nel primo episodio, dove due fratelli precari (uno a favore dei vaccini, l’altro contrario) e una sorella deputata (presumibilmente con un partito di sinistra) si riuniscono con le rispettive famiglie la sera della Vigilia. Si riuscirà a non litigare rinfacciandosi debolezze e mancanze? Lo scoprirete al Cinema.

A Capodanno

Il secondo episodio si svolge la sera del 31 dicembre quando un imprenditore insieme alla moglie e alla figlia adolescente partecipa ad una cena solidale. Anche questa diventa un’occasione ghiotta per mettere in evidenza non solo le ingiustizie sociali ma anche la lotta di classe che, come ne La fattoria degli animali di Orwell, continua a plasmare le vite di tutti dimostrandoci che alla fine il povero, se fosse benestante, si comporterebbe proprio come il ricco.

A San Valentino

Nel terzo episodio è la festa di San Valentino che fa da sfondo, qui i rapporti logoranti ed asfissianti vengono tenuti in piedi non tanto da un velo di nostalgia quanto dal bisogno di sicurezza e stabilità. La coppia di Valentina Lodovini e Luca Argentero è perfettamente a suo agio in questo episodio geniale quanto disarmante perché ci dice che le coppie datate sopravvivono grazie ad un macchinoso quanto conveniente gioco delle parti.

L’8 marzo

Nel quarto e ultimo sketch Margherita (Claudia Gerini) è una madre e nota conduttrice televisiva che sta attraversando un periodo difficile a causa dei disagi psicologici della figlia che ha tentato il suicidio. In balia del marito miliardario e totalmente assente nonché di un lavoro che la schiaccia in un ruolo prestabilito e in copioni denigranti per la propria femminilità, Margherita il giorno della Festa della Donna dovrà decidere se cambiare il corso della sua vita, ribellandosi allo status quo televisivo – che vede le donne come oggetti sessuali o solo come madri e mogli – oppure continuare a stare alle regole del patriarcato per tornaconto personale.

Il film: una piacevole sorpresa

Insomma, I migliori giorni è una commedia tragicomica che appassiona grazie alla sua veridicità, anche se il film sostiene infine che esistono tanti modi di reagire agli eventi e tante realtà. Con un cast corale (Luca Argentero, Anna Foglietta, Edoardo Leo, Max Tortora, Paolo Calabresi, Valentina Lodovini, Greta Scarano, Claudia Gerini, Stefano Fresi, Massimiliano Bruno, Maria Chiara Centorami, Marco Bonini, Pietro De Silva ed altri attori), il lungometraggio è stato una piacevole sorpresa.

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Lascia un commento