L’ARSENAL A PADOVA CON THE ARK

Magia visiva e sonora, emozioni in movimento, poesia: il “nuoveau cirque” arriva per la prima volta al Gran Teatro Geox di Padova domani, domenica 3 febbraio 2013, quando l’Arsenal, famosa compagnia canadese, porterà in scena The Ark.

L’Arca è uno spettacolo che vuole risvegliare le coscienze attraverso la bellezza: 7 artisti usciti dalla più prestigiosa scuola del mondo di Nouveau Cirque (L’Ecole National de Cirque de Montreal, che non a caso si trova di fronte al Cirque du Soleil) prendono a prestito l’arte circense per farne poesia in movimento.

All’interno dell’Arca gli acrobati e i musicisti dialogano con le immagini per portare un messaggio di speranza. In una serie di scene emozionanti, l’Arca spinge a farsi delle domande sulla lenta distruzione del mondo che ci circonda. Tutto questo celebrando con gioia la vita attraverso alla musica, le immagini e le performance degli artisti.

L’Arsenal nasce come compagnia di musicisti, e infatti la musica ha un ruolo importante nello spettacolo: in scena ci sarà un percussionista che seguirà dal vivo le evoluzioni degli scrobati eseguendo le musiche composte da Denis Gougeon e da Merlin Ettore.

Il Québec ospita una generazione di artisti multimediali riconosciuti a livello mondiale, in grado di far interagire abilità artistiche e tecnologia. I disegni creati da Pier Chartrand e Bernard Duguay fanno parte degli elementi chiave che hanno contribuito al successo di questa produzione in cui le immagini sono proiettate su un doppio schermo gigante, il primo trasparente e posto tra il pubblico e gli artisti, il secondo come fondale; grazie a questa tecnica la scenografia e i personaggi appaiono come sospesi in aria, creando inaspettati effetti tridimensionali.

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Redazione

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: [email protected]

Lascia un commento