Diari,  Il terrone che non ci sta

Ubi labor, ibi libertas

Il Terrone che non ci sta, Rubrica a cura di Nunziante Minichiello (ogni giovedì)

 

©Fotolia.com
©Fotolia.com

Conoscenza, educazione e realizzazione è il lavoro, il quale in concreto può essere ridotto pure a privilegio con stipendio sicuro e intangibilità del posto; a non lavoro con stipendio assicurato, ma con prestazione diversa da quella per la quale si è assunti e pagati; a prestazione quasi a piacere; a concessione e, cosa più umiliante, a raccomandazione.

Pur sottoposti a propaganda abile e insidiosa, gli Italiani avrebbero potuto rendersi conto dei guai, che combriccole politiche, spesso chiacchierate a ragione, stessero facendo cadere loro addosso.

Uno dei guai più gravi e sentiti, procurati dalle citate combriccole politiche, è la disoccupazione, ossia la mancanza di lavoro, la quale viene da lontano, in pratica è conseguenza della inadeguatezza della scuola ( perché? a pro di chi od a danno di chi?, dell’addio alla siderurgia (perché? a pro di chi? a danno di chi?), dello sfascio della sanità, ormai nota come malasanità, dell’abbandono dell’agricoltura (perché? a pro di chi? a danno di chi?), del degrado sociale e della impreparazione imprenditoriale del Meridione soprattutto (perché? a pro di chi? a danno di chi?): mancando il lavoro, fondamento di Repubblica, manca il terreno sotto i piedi ai cittadini, specie se impreparati a certe sorprese.

Anche se abituati alla speranza, i cittadini affrontino la realtà, cioè scelgano con scrupolo le persone cui affidare la realizzazione della Costituzione, che, pur con i suoi difetti, consente ancora ai cittadini di associarsi a propria difesa, oltre che di accodarsi per altrui soddisfazioni.

Lavoro è autonomia per capacità di fare, di produrre, appagando altrui e proprie esigenze, guadagnando ed ideando e costruendo cose e civiltà.

Lavoro, pur duro ed estenuante, è fonte di soddisfazione; è servizio e non sottomissione; è professionalità e non obbligo a senso unico; non è mai ignobile, anche se privilegiati ancora si dedicano ad arti dette nobili, non tanto per loro capacità quanto per dabbenaggine della massa, finita ignorante e bisognosa: è l’uomo a dare dignità al lavoro, a qualsiasi lavoro, se l’uomo è educato alla dignità ed al sapere ed al saper fare.

Costituzione reciti preminenza di lavoro, che non fa mercato, su capitale, che è necessario ferro di mestiere: per ora, ancora ubi labor, ibi libertas.

N.I. 

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Nunziante Minichiello

"Distribuisco cultura, quella che mi ritrovo, e cose che servono. La cultura è gratis; le cose che servono costano, ma a volte costano meno che altrove. Nei miei voti è la buona fortuna di tutti quanti". Questo è il motto di Nunziante Minichiello che su Cultura e Culture firma la rubrica "Il Terrone che non ci sta", riflessioni sul Mezzogiorno e sull'Italia, in generale, gli editoriali e alcuni articoli di attualità.

Commenta