culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Di tutto un po'

PARTE EMSO, PROGETTO DI MONITORAGGIO DELLE PROFONDITÀ OCEANICHE

© Thorsten - Fotolia.com

E’ iniziato oggi, 24 settembre 2012, a Roma, presso la sede capitolina dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) il meeting per avviare la costruzione di un consorzio Europeo che gestirà una infrastruttura di ricerca di dimensione Europea per le scienze marine.

L’infrastruttura di ricerca denominata EMSO- European Multidisciplinary Seafloor Observatory  è costituita da una rete di osservatori marini per il monitoraggio e lo studio dei processi di varia natura che hanno luogo nelle profondità oceaniche (geofisica, oceanografia, biologia). La rete comprenderà punti di osservazione dall’Artico all’Oceano Atlantico, al Mediterraneo e Mar Nero in un intervallo di profondità tra alcune decine a migliaia di metri.

EMSO costituisce uno strumento importante per monitorare e studiare i cambiamenti climatici sia  di origine naturale sia indotti dalle attività dell’uomo, e  l’evoluzione degli ecosistemi marini. L’ infrastruttura è in grado di produrre serie di dati per i prossimi anni per la ricerca scientifica  non solo Europea. Con questa infrastruttura l’Europa sarà in grado di coordinarsi e integrarsi in modo competitivo in altre analoghe iniziative avviate in aree dell’America del Nord (NEPTUNE Canada, Ocean Observatory Initiative) dell’ Asia (DONET Giappone, MACHO Taiwan)  e dell’Oceania (IMOS). I membri del consorzio saranno Stati della Comunità Europea (Italia, Spagna, Germania, Regno Unito, Germania, Grecia, Portogallo, Irlanda, Paesi Bassi) e un paese extra-europeo (Turchia).

Il consorzio, con sede in Italia, viene avviato sotto la guida del governo Italiano (MIUR) che si avvale della collaborazione tecnico-scientifica dell’INGV. Questo ente di ricerca, attualmente, si occupa insieme all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN),  del funzionamento dell’osservatorio sottomarino NEMO-SN1, situato a largo della Sicilia orientale, a 2000 m di profondità. NEMO-SN1 è uno dei nodi più avanzati della rete EMSO,  infatti fin dal 2005 è collegato a terra con un cavo sottomarino da cui riceve alimentazione e attraverso il quale invia dati in tempo reale utilizzati anche nell’ambito della sorveglianza sismologica.

L’infrastruttura di ricerca Europea EMSO rappresenta un’ importante sfida scientifica e tecnologica per l’Italia e l’Europa, che deve essere affrontata con un grande sforzo di coordinamento tra comunità scientifica e imprese del settore delle tecnologie marine e che presenta grandi potenzialità per accrescere la competitività europea nei settori industriali di riferimento.

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Lascia un commento

shares