Di tutto un po'

L’articolo di Harari e la cooperazione tra gli individui

Le Nazioni non si solidarizzano molto e di conseguenza anche sul piano individuale le persone si chiudono in sé. Basta leggere qualche post o commento su Facebook per rendersi conto della diffidenza che aleggia tra gli individui.

Il virus ha acuito la mancanza di sfiducia del comune cittadino non solo verso le Istituzioni ma anche nei confronti dell’altro da sé. L’Occidente sta diventando, infatti, ancor più individualistico.

I social, che si prefiggono l’obiettivo di aiutarci a socializzare, ci stanno isolando nelle nostre roccaforti, nei nostri pensieri, nelle nostre convinzioni dominanti che a volte mirano all’ostracismo. Alziamo muri per proteggerci consciamente dal virus ma inconsciamente ci stiamo difendendo solo dalla paura di morire. Alzare barriere, in maniera soggettiva e collettiva, aiuta? E non mi riferisco alla quarantena di questi giorni che è utile e necessaria. Mi riferisco all’incapacità collettiva di oltrepassare il confine dell’intolleranza per abbracciare, anche se virtualmente in questo periodo, l’altro facendo nostre le sue inquietudini perché in fondo siamo simili nelle reciproche insicurezze e fragilità.

Di fronte alla morte siamo tutti uguali. Ampliando lo sguardo e quindi portando questo ragionamento su una sfera planetaria, mi ricollego alle parole del filosofo, storico e scrittore israeliano Noah Harari. Io, per la verità, sono stata tra le detrattrici degli effetti nocivi della globalizzazione, basata solo sul consumismo, tuttavia concordo con Harari quando suggerisce agli Stati di cooperare perché il Coronavirus non riguarda una sola nazione ma tutto il pianeta.

“Se questa epidemia si traduce in una maggiore disunità e diffidenza tra gli umani avrà vinto il virus”, afferma lo scrittore israeliano che fa un excursus delle principali epidemie della storia affermando che molti virus sono stati sconfitti mediante l’informazione e la ricerca scientifica, e quindi attraverso la cooperazione tra gli Stati e non con la chiusura.

La mancanza di cooperazione e aggiungerei compassione si ripercuote anche su un piano individuale. Ma cosa vuol dire cooperare tra singoli? Cooperare non significa guardare dal buco della serratura del portone di casa per scrutare il nostro vicino che esce per poi condannarlo su Facebook con frasi ingiuriose e atteggiamenti difensivi. Cooperare vuol dire applicare le norme usando il cuore e rimanendo umani, compassionevoli, ragionevoli per scorgere nell’altro una parte di sé. Non è facile quando siamo dominati dalla paura (lo vedo su me stessa) ma è necessario ed altamente consigliato! m.i.

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Commenta

shares