Senza categoria

ECOGRAFIA ALLEATA DEL PAZIENTE CRITICO

Un’ecografia total body, eseguita sul paziente critico entro 6 ore dall’accettazione, nel 25 per cento dei casi ne modifica la diagnosi, rispetto all’esame clinico, e ne ottimizza il trattamento. Gli Intensivisti dell’Ospedale Maria Vittoria di Torino, per primi hanno sviluppato e validato il protocollo “ICU-sound”, per ottenere una rapida analisi globale che unisca valutazione clinica e approfondimento ecografico.

«Una diagnosi rapida e un trattamento accurato sono cruciali e al tempo stesso problematici per i pazienti ricoverati in Terapia Intensiva – spiega Emilpaolo Manno, Direttore DEA e Terapia Intensiva dell’Ospedale Maria Vittoria – l’inaccuratezza del solo esame clinico è stata ampiamente dimostrata sia per quanto riguarda il ricovero in reparti di Medicina sia per la Terapia Intensiva: una tempestiva valutazione ecografica del paziente testa-piedi, comprendente nervo ottico, ecocardiogramma, torace, addome, grossi vasi, modifica la diagnosi nel 25 per cento dei casi, porta il clinico a eseguire approfondimenti diagnostici nel 18 per cento dei pazienti, induce a modificare la terapia medica nel 17 per cento e guida all’esecuzione immediata di procedure invasive nel 21 per cento dei casi».

I risultati dello studio, condotto da Emilpaolo Manno e Collaboratori su 125 pazienti tra i 27 e gli 88 anni, selezionati tra i 262 giunti in Terapia Intensiva tra marzo 2009 e gennaio 2010, sono stati pubblicati con grande rilievo dalla rivista leader del settore Anesthesiology di ottobre 2012 e hanno implicazioni importanti in Terapia Intensiva, dimostrando come i pazienti critici abbiano un’elevata incidenza di anomalie non note e come lo studio ecografico all’accettazione permetta di modificare la diagnosi e di migliorare il trattamento, attuando tempestivi cambiamenti nella strategia terapeutica. Lo studio dimostra che sono i pazienti più critici a trarre maggiore giovamento dal protocollo “ICU-sound” infatti il maggior numero di anomalie ecografiche misconosciute è stato rilevato in presenza di shock settico, scompenso cardiaco, insufficienza respiratoria acuta.

«Il test deve essere fatto all’accettazione dall’intensivista di guardia – conclude Manno – e gli ultrasuoni devono entrare nella formazione di questo specialista, come peraltro già avviene in Francia e Germania, perché sono uno strumento formidabile nella gestione dei pazienti critici».

L’Ospedale Maria Vittoria della ASL TO 2 è sede di DEA di II livello, con oltre 90.000 passaggi di Pronto Soccorso in media all’anno è Ospedale di Riferimento per Ginecologia e Ostetrica dell’Area Torino Nord ed è dotato di Terapia Intensiva con sei letti per una media di 300 pazienti all’anno.

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Commenta

shares