Senza categoria

Avellino, Massimo Ranieri a teatro è Riccardo Terzo

SEGUICI SU FACEBOOK. OGNI MERCOLEDI UNA DIRETTA

Massimo Ranieri Riccardo Terzo Il 1 gennaio 2013 Massimo Ranieri salutava il nuovo anno proprio sul palco del Teatro Carlo Gesualdo e questa sera, 3 dicembre, e domani sera, 4 dicembre, alle 21 e alle 18.30, l’attore e cantante darà il benvenuto al 2015 da quella stessa location, con uno spettacolo non di musica e parole ma altrettanto emozionante. Massimo Ranieri è di casa ad Avellino e ogni volta che si esibisce al Carlo Gesualdo è sempre un successo. Questa volta lo vedremo nei panni di Riccardo Terzo, uno dei personaggi più enigmatici creati dalla mente geniale di William Shakespeare. Sul palco diciotto attori che, sulle note di Ennio Morricone, faranno rivivere ancora una volta il testo del grande drammaturgo inglese. Riccardo III è un personaggio ambiguo che è pronto a tutto pur di conquistare fama e potere, anche a uccidere. E infatti egli diventa il mandante di una serie di omicidi. Nemmeno l’amore per il fratello riesce a intenerirlo, ma si sa che il male si ritorce su chi lo compie e Riccardo da antieroe diventa vittima di se stesso e delle proprie nevrosi. Ambientata nel 1400, la tragedia è l’ultimo capitolo della tetralogia minore di William Shakespeare.

Riccardo Terzo Ranieri

Quest’opera ha ispirato e continua a ispirare il Teatro e il Cinema, proprio per i temi trattati, quali per esempio la lotta tra il bene e il male e la brama di potere: il Riccardo III di Al Pacino è rimasto impresso nell’immaginario collettivo.

Il film, uscito nel 1996, fu diretto dallo stesso attore e regista statunitense. Nella versione di Massimo Ranieri invece guarderemo la realtà con gli occhi di Riccardo, ovvero del cattivo, proprio come accade nel noir.

Lo spettacolo di questa sera e domani sera rientra nella rassegna Grande Teatro allestita dal Carlo Gesualdo con il Teatro Pubblico Campano.

Dal canale di Ranieri un estratto della tragedia: http://youtu.be/0Hqn3rkbHzc

Riccardo III

Regia di Massimo Ranieri;

Costumi di Nanà Cecchi;

Musiche di Ennio Morricone;

Luci di Maurizio Fabretti e direzione tecnica di Marco Pupin;

Scene di Lorenzo Cutuli;

Traduzione e adattamento di Masolino D’Amico;

Per info sullo spettacolo di Avellino: 0825.771620

close

Salve, sono Maria Ianniciello. Grazie per aver letto l'articolo. Se ti è piaciuto il sito e il pezzo, iscriviti alla mia newsletter settimanale. Riceverai ogni lunedi una mail con gli articoli e i nuovi episodi del podcast, contenuti inediti, buoni sconto su libri e tanto altro!

Commenti

commenti

Salve, mi chiamo Maria Ianniciello. Cultura & Culture è un blog indipendente. Redigere articoli ed editare podcast di qualità richiede tempo e concentrazione. DONA ORA affinché io possa creare contenuti migliori. Grazie mille!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione.

Lascia un commento

shares