A MILANO “AFFETTI – EFFETTI DELL’ARTE”

© Enrico De Vita - Fotolia.com
© Enrico De Vita – Fotolia.com

A Milano un nuovo progetto per il sociale. Si chiama  “Affetti – Effetti dell’Arte” e prenderà il via al Museo del Novecento il 14 febbraio. Il progetto sperimentale – nato dalla collaborazione tra l’associazione di familiari per la Salute mentale, La Tartavela Onlus, il Dipartimento di Salute mentale dell’ospedale Sacco ”, il Tavolo di Coordinamento della Salute Mentale e il Museo del Novecento stesso – è promosso dall’Associazione Tartavela e si propone di rendere accessibile a persone con disagio psichico il patrimonio ospitato nel Museo Novecento (e in prospettiva anche negli altri musei), offrendo occasioni d’incontro e integrazione tra chi vive l’esperienza del disagio psichico e il mondo della cultura e della società più in generale. In particolare si tratta di sei giornate formative rivolte a persone con disagio psichico, programmate anche allo scopo di far sperimentare ai corsisti competenze e abilità spendibili in un futuro lavorativo, come “mediatori/guide culturali “,  nei musei e nelle gallerie cittadine.

La direttrice del Museo del Novecento e i suoi più stretti collaboratori, dalla responsabile della didattica, ai volontari del Servizio Civile, sono convinti che, «attraverso il riconoscimento del valore della differenza e l’accoglienza verso tutti i visitatori diversamente abili, di qualsiasi natura sia la loro disabilità, l’offerta stessa del Museo non possa che uscirne arricchita». I dodici partecipanti sono stati selezionati in base a criteri condivisi dai professionisti del Dipartimento Salute Mentale dell’Ospedale “Luigi Sacco” che, tramite la propria agenzia ALA Sacco (Agenzia Lavoro Apprendimento), programma e gestisce gli inserimenti lavorativi di pazienti psichiatrici, sostiene e valorizza la cooperazione e l’integrazione sociale trasversalmente a tutti i Dipartimenti di Salute Mentale (DSM) della Città di Milano, grazie al Programma Innovativo Regionale (PIR).

Durante i sei incontri, i corsisti avranno la possibilità di familiarizzare con le opere della collezione, seguiti dai volontari, esperti d’arte del Servizio Civile operativi presso il Museo del Novecento e sperimenteranno anche un approccio meno teorico e più personale al mondo dell’arte, attraverso la partecipazione a un laboratorio di ceramica, condotto da Fausto Salvi, Blindbox. Nell’ultimo degli incontri, che si terrà il 21 marzo 2013, insieme agli specialisti dell’Azienda Ospedaliera Luigi Sacco e ai docenti, i corsisti valuteranno i risultati del lavoro svolto e termineranno la loro esperienza, gestendo direttamente una visita guida riservata agli operatori dei DSM della Città di Milano.

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Redazione

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: [email protected]

Lascia un commento