IL FALLIMENTO UNA PEDINA DEL SUCCESSO

“Ogni fallimento è semplicemente un’opportunità per diventare più intelligente”

Henry Ford

© olly - Fotolia.com

Fallire per molti in Italia equivale a morire, soprattutto a Sud. Quando si fallisce, si è sommersi da una serie di critiche che inducono la persona ad abbandonare qualsiasi progetto già prima di cominciarlo proprio perché terrorizzata da un ipotetico KO. In natura però tutto è una sfida: anche la fecondazione della cellula uovo da parte dello spermatozoo lo è o l’impollinazione o l’alternarsi del giorno con la notte. L’uomo non può e non deve sottrarsi a questo processo, altrimenti diventa un cadavere vivente. Dopotutto è stato dimostrato che la depressione nasce proprio da un bisogno inespresso che per me è sempre e soltanto la mancanza di stimoli autentici. Uomini e donne che vanno in pensione spesso si sentono inutili e si ammalano. Ragazzi che non hanno obiettivi cadono nella trappola della droga o dell’alcol; donne che vivono solo per soddisfare i bisogni della famiglia, arrivate a una certa età, si sentono frustrate e prive di energia. Ognuno di noi deve soddisfare i propri bisogni. In che modo? Capendo qual è la tua missione su questo pianeta. C’è chi si sente soddisfatto solo allevando un bambino e chi invece ambisce a qualcos’altro… Eppure l’uomo ha perso la sua vera essenza, lasciando il Paradiso terrestre; e chiudendosi nel carcere delle abitudini non ha attinto più alla fonte della vita che è già dentro di lui. Basta solo cercarla!

Il fallimento in questa ottica acquista un valore diverso e, anziché una maledizione, diventa una benedizione perché esso, se si ha una visione chiara e precisa, rappresenta lo scalino che ci condurrà a una vita piena. Il fallimento non è altro che una pedina del successo! Capito questo l’Italia volerà verso la crescita…

Maria Ianniciello

 

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI