BERLUSCONI CONDANNATO A QUATTRO ANNI

© Alexey Klementiev – Fotolia.com

Che c’era qualcosa di strano si era intuito dal suo volto tirato e dall’assenza di quel sorriso che ha infastidito e contemporaneamente ammaliato tante persone, caratterizzando i 18 anni di politica. Aveva deciso di uscire dalla scena pubblica e di ritirarsi a consigliere dei giovani; una scelta che non aveva convinto nessuno e che faceva sospettare che ci fosse un retroscena. Una decisione arrivata all’improvviso tanto che in un nostro pezzo di qualche giorno fa commentando le parole del Cavaliere, avevamo titolato: La Nostalgia Canaglia di Berlusconi, parafrasando quindi quanto detto dall’ex premier su Forza Italia.

E oggi è arrivata la notizia della condanna di Silvio Berlusconi a 4 anni di reclusione per frode fiscale nel processo sull’acquisizione diritti Tv Mediaset. Tre anni condonati per via dell’indulto e 5 anni di interdizione. Una sentenza ancora più dura di quella richiesta dall’accusa.

L’evasione è stata di 17,5 miliardi di lire nel 2000, di 6,6 milioni di euro nel 2001, di 4 milioni nel 2002 e di 2 milioni nel 2003. Oltre a Cavaliere, sono stati condannati il produttore statunitense Frank Agrama a 3 anni e gli ex manager Daniele Lorenzano e Gabriella Galetto, rispettivamente a 3 anni e otto mesi e a un anno e due mesi. Assolto invece il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri. Le altre sei persone finite sotto processo sono state assolte per prescrizione o con formula piena. I giudici hanno disposto un versamento di 10 milioni di euro da parte dei condannati all’Agenzia delle Entrate.

E adesso? Adesso all’Italia non resta che voltare pagina, cercando nelle nuove generazioni un cambiamento che è possibile; basta solo volerlo individuando le persone giuste e collocandole al posto giusto!

Maria Ianniciello

 

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Naturopata ad indirizzo psicosomatico. Aromaterapeuta. Diplomata in Naturopatia presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica. Lavora sia in gruppo che individualmente con consulenze naturopatiche e sedute di aromaterapia. Giornalista pubblicista. Scrive di benessere, aromaterapia, motivazione al femminile, LifeStyle. Ama la Cultura, in particolare il cinema. Lettrice vorace. Si è laureata in Lettere nel 2005 presso la Seconda Università di Roma con il massimo dei voti.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI