A Teatro c’è Frida, la recensione dello spettacolo

“Viva la vida! La pioggia… Sono nata nella pioggia. Sono cresciuta sotto la pioggia. Una pioggia fitta, sottile… una pioggia di lacrime. Una pioggia continua nell’anima e nel corpo. Sono nata con lo scroscio della pioggia battente. Ho imparato nella pioggia a sopravvivere…”

Un autoritratto di Frida
Un autoritratto di Frida

Sono le parole, i versi di Frida (tratti da “Viva la vida!” di Pino Cacucci, Feltrinelli editore), con cui si apre la sua “esistenza” sul palcoscenico del Piccolo Eliseo Patroni Griffi. Dieci quadri della straordinaria artista messicana, dieci storie di donne, dieci scene senza tempo né luogo per attualizzare e rendere presenti le “verità emotive” dipinte sulle sue tele. Nascita è giustamente la prima, visivamente forte, la spinta al diritto di esistere, la donna Grande Madre dell’umanità eppure capace di imprimere ferite incancellabili alle sue stesse creature, se incapace di amarle. La donna-figlia in conflitto con la madre e con il proprio desiderio, negato, di maternità, alle prese con la propria disabilità, la donna umiliata e uccisa, i rapporti saffici, quella travolta da una morbosità che soffoca la vita quanto il talento artistico. E poi il dolore fisico, accettato, vissuto anch’esso come l’amore, insopprimibile, da assaporare non prima né dopo, ma nel presente. Vivere sempre al massimo delle proprie possibilità, ricercare il “bagliore dell’esistenza”, anche quando “la notte si scontra col silenzio”.

In tutte le scene rappresentate, dieci come i quadri proiettati suggestivamente sullo sfondo, si delinea un’immagine universale femminile sì, ma che potrebbe e dovrebbe appartenere a tutti, attuale e variegata, di grande forza e carnalità. Immagine che ben corrisponde alla prepotente personalità dell’artista messicana.

kahlo eliseoQuel che lascia fortemente perplessi, però, è proprio la realizzazione pratica dell’operazione. Le intenzioni sono certamente lodevoli, originali, ma lo spettacolo non convince, non decolla, risulta addirittura pesante in più frangenti, con una lentezza esasperante. Se le scene possono essere suggestive (ma ci si aspettava molto di più dopo aver ascoltato la presentazione del giorno precedente), e interessante la mescolanza dei generi musicali, quello che ha deluso è stata la parte recitativa, l’impostazione dei dialoghi, tanto pretenziosa quanto controproducente. Aver utilizzato più volte i versi di Frida Kahlo non ha migliorato il risultato, anzi ha contribuito a renderli stucchevoli. Gli stessi interventi del corpo di ballo, non memorabili, durante i cambi scena, nulla aggiungono ad un’opera bella nelle intenzioni, ma fragile all’atto pratico. Dispiace, perché c’era molta attesa per questa pièce e perché le idee del giovane regista e dei suoi coautori avrebbero meritato un altro esito. Non è stato tradito il messaggio, più che mai attuale, delle opere e della vita di Frida Kahlo, ma è innegabile che ci si aspettava molto, ma molto di più. Delusione direttamente proporzionale alle aspettative.

 

Paolo Leone

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

 

Scheda dello spettacolo “Frida Kahlo – il ritratto di una donna”

In scena al Teatro Piccolo Eliseo Patroni Griffi di Roma (via Nazionale 183). Dall’1 al 13 aprile 2014

Regia di Alessandro Prete; aiuto regia: Valentina Morg

Autori: Alessandro Prete, Igor Maltagliati e Luca Setaccioli.

Attori: Alessia Navarro e Alessia Olivetti, Cristina Del Grosso e Claudio Garruba, Ettore Belmondo

Corpo di ballo composto da Marta Mearelli, Ilenia Jodice, Maria Celeste Sammarco, Marco Passarello

Coreografie di Alessandra Bianchini

Costumi di Gisa Rinaldi;

Scenografie di Alessio Brodolini

Sound engineer: Tiziano Stampete

Realizzazioni grafiche di Ince Media.

Light design: Marco Laudando.

Consulenza storica di Silvia Cardi

 

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Paolo Leone

Paolo Leone
Nato a Roma. Ama il teatro, di qualsiasi genere. Free lance, segue le stagioni teatrali romane da anni, scrivendo recensioni e realizzando interviste ai protagonisti. Attento ai giovani talenti. Ha organizzato presentazioni di libri in librerie a Roma e provincia ed è stato relatore al Salone Internazionale del Libro di Torino nel maggio 2013.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI