NILS FRAHM LIVE A ROMA

Nils Frahm – Foto: myspace.com/nilsfrahm

Venerdì 16 novembre 2012 torna C(h)orde – Suoni tra cielo e terra, la rassegna realizzata da Lanificio159 e Snob Production all’interno della Chiesa Evangelica Metodista di Roma. Un viaggio tra nuovi suoni, scoperte e sperimentazioni, che questa settimana propone uno dei più interessanti interpreti del nuovo panorama internazionale. Il protagonista del quarto appuntamento di C(h)orde è Nils Frahm, musicista e compositore tedesco originario di Berlino. A trent’anni non ancora compiuti, il pianista e compositore berlinese Nils Frahm si è già affermato quale figura centrale della scena elettronico-neoclassica. Le sue numerose collaborazioni, l’esplicito apprezzamento da parte di numerosi ed affermati artisti (come Thom Yorke dei Radiohead) e il lavoro in sede di produzione e registrazione hanno reso il suo studio berlinese luogo natale prediletto di molti artisti.

Nils immerge i suoi lavori nel classico e nel contemporaneo: il sound ottenuto è segno e sintesi del suo approccio non convenzionale, intimo e contemplativo con il pianoforte, che l’ha portato a conquistare la stima di molti fans e musicisti in tutto il mondo. Il suo ultimo album, Felt, è un lavoro particolarmente suggestivo e reso ulteriormente intimo dalla peculiare modalità di registrazione che, data l’estrema delicatezza e le basse frequenze dei suoni prodotti, è avvenuta collocando i microfoni all’interno dello strumento e, a volte, inserendo spessi strati di feltro tra le sue corde. Suoni così delicati e naturali che da soli richiamano l’origine di questo lavoro: nel cuore della notte, nella solitudine e nel silenzio del suo studio berlinese, Frahm studia nuovi suoni e cerca nuove fonti di ispirazione.

L’evento rappresenta il quarto appuntamento con l’edizione 2012 di C(h)orde, il progetto, sviluppato da Lanificio159 e Snob Production che tenta di intercettare i nuovi movimenti e colori del panorama internazionale dell’altra musica. Prossimi concerti: 24 novembre, con le stratificazioni sonore dell’elettronica finlandese creata da Vladislav Delay, sul palco insieme a Giovanni Guidi, e il 30 novembre, con Tim Hecker, il suo ambient strutturato e le esplorazioni sonore dissonanti.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI