Chi m’ha visto: si ride con Favino e Fiorello: recensione

Chi m’ha visto è un film divertente che fa ridere con eleganza e che, con il suo retrogusto agrodolce, ci lascia un messaggio profondo. Guardando la pellicola, mi è venuta in mente l’immagine del caruso; ricordate quei ragazzini che lavoravano nelle zolfatare della Sicilia senza lasciare alcuna traccia di sé? Morivano giovani, per gli stenti e per le fatiche. Una volta un ragazzo di nome Ciaula uscì dalla miniera di zolfo e scoprì la Luna. Nato dalla penna di Luigi Pirandello, questo personaggio ha colpito la mia fantasia forse per pena o anche per tenerezza. Non so! Molto simile a un altro caruso, immaginato e descritto da Giovanni Verga (quel Rosso Malpelo smaliziato), Ciaula era un derelitto della società.

Oggi i carusi non esistono più per fortuna però sono stati sostituiti dai tanti emarginati che vivono ai bordi di periferia – rappresentati degnamente nel film Chi m’ha visto dalla prostituta (Mariela Garriga), immagine archetipica spesso presente nel cinema – e dai tanti giovani che, per vivere, si arrangiano come meglio possono arrivando alla soglia dei 50 anni con tanta arte e poca parte! Forse il richiamo ai carusi è troppo forte oppure poco calzante ma, se non vi sta bene, posso fare un nuovo parallelismo più in linea con la trama del film. Potrei fare l’esempio di Van Gogh riconosciuto grande artista solo dopo la morte. Allora, bisogna per forza morire o volatilizzarsi nel nulla per far parlare di sé?

Per il regista e gli sceneggiatori di Chi m’ha visto probabilmente sì. La macchina da presa di Alessandro Ponti, infatti, si muove in ambiente di cartapesta, dove contano solo l’apparenza e il successo, dove l’Arte, quella vera, ha poco valore. Il film, interamente ambientato nell’entroterra pugliese, segue le gesta di Martino Piccione, chitarrista di talento, interpretato da un più che convincente Beppe Fiorello. A fargli da spalla è Pierfrancesco Favino, attore versatile che passa dai toni comici a quelli drammatici con estrema facilità.

Chi m’ha visto

In Chi m’ha visto Favino dà il volto a un personaggio formidabile e ben costruito, una macchietta del nostro tempo che ci fa ridere a crepapelle. L’attore romano veste i panni di Peppino Quaglia, amico di vecchia data di Martino, il quale – non considerato per niente dalla Musica Italiana e dal pubblico (l’ultimo disco ha venduto pochissimo) nonostante il suo innegabile talento – dopo essere tornato al paese natio decide di sparire affinché la gente si accorga di lui tramite la Televisione portandolo così alla ribalta. Chi m’ha visto, dunque, affronta temi contemporanei lasciandoci, però, con un nuovo interrogativo: che cos’è il successo? Ed è veramente necessario inseguirlo ad ogni costo?

Commenti

commenti

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI