UNA PASSEGGIATA A COMO

© Glicine Blu – Fotolia.com – Panorama da Brunate
©Steve Morvay-Fotolia.com – La cattedrale

Quando si parla di Como, l’immaginario collettivo rimanda ai Promessi Sposi di Alessandro Manzoni, ma questa città con il suo patrimonio artistico e naturale ha altri volti, tutti da scoprire. Como, oltre a essere celebre per la natura incontaminata, per i suoi servizi eccellenti e per l’aria salubre, è infatti nota per essere la città della seta e per aver dato i natali a personaggi illustri come Plinio Il Vecchio, Plinio il Giovane e Alessandro Volta, inventore della pila, al quale sono stati dedicati il tempio voltiano, il liceo classico e la piazza centrale.

La città, fondata nel 59 a.C. da Giulio Cesare, si affaccia su uno dei laghi più profondi d’Europa: il Lario, dove sono stati girati film italiani e hollywoodiani, fra cui Rocco e i suoi fratelli, Star Wars, Ocean’s Twelve, Casinò Royale, Che bella giornata. E molte sono le star del cinema che hanno trascorso le loro vacanze in questa località, acquistando addirittura un’abitazione, come ha fatto George Clooney. Arrivati a Como, il viandante ha l’imbarazzo della scelta. Tra i monumenti da visitare figurano la cattedrale, le chiese di San Giacomo e di San Provino, le Basiliche di San Carpoforo, di Sant’Abbondio e di San Fedele, il Broletto, la Torre del Baradello nonché gli edifici del quartiere razionalista, come la Casa del Fascio, Il monumento ai caduti, l’asilo Sant’Elia e il Novum Comum.

©fotoeg-Fotolia.com – Piazza San Fedele

Ma c’è anche una Como nascosta con le torri e mura medioevali, che cingono tutto il centro storico, e le sue innumerevoli ville immerse in scenari da favola ai piedi del quartiere di Brunate, famoso soprattutto nel 1800 e agli inizi del 1900. Qui ci sia arriva mediante la funicolare. Da quassù il panorama è spettacolare tanto che la vista si perde dinnanzi a così tanta bellezza.

©Careno – Fotolia.com
©Careno – Fotolia.com – Il duomo

Più giù, sulla riva occidentale della baia di Como, è possibile ammirare le dimore neoclassiche, fra cui Villa Olmo che, progettata da Simone Cantoni, fu il centro propulsore dell’illuminismo italiano; oggi è sede di mostre e di numerosi eventi anche internazionali. E… a proposito di musei ed eventi, non si può non visitare il Museo della Seta che, inaugurato il 4 Ottobre del 1990, espone gli oggetti, i documenti e i campionari provenienti dalle lavorazioni tessili della tradizione comasca. Molte anche le manifestazioni culturali in ogni periodo dell’anno. Gli amanti del teatro potranno assistere agli spettacoli del teatro stabile, mentre per i buongustai ce n’è per tutti i gusti anzi per tutti i palati grazie ai numerosi ristoranti, dove è possibile magiare le specialità del posto a base di pesce e formaggi. Una vacanza, dunque, all’insegna  della tranquillità e della cultura ma anche, per i più dinamici, dello sport con i percorsi di trekking.

©Photo Studio – Fotolia.com

DOVE DORMIRE

 Booking.com segnala hotel 3 e 4 stelle 

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
  • Palace Hotel & Centro Congress
  • Hotel Marco’s
  • Albergo Le Due Corti
  • Best Western Hotel Continental
  • Hotel Plinius
  • Locanda Oca Bianca
Per ulteriori informazioni: http://www.comotourism.it/
Maria Ianniciello

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI