UNA PASSEGGIATA A COMO

© Glicine Blu – Fotolia.com – Panorama da Brunate
©Steve Morvay-Fotolia.com – La cattedrale

Quando si parla di Como, l’immaginario collettivo rimanda ai Promessi Sposi di Alessandro Manzoni, ma questa città con il suo patrimonio artistico e naturale ha altri volti, tutti da scoprire. Como, oltre a essere celebre per la natura incontaminata, per i suoi servizi eccellenti e per l’aria salubre, è infatti nota per essere la città della seta e per aver dato i natali a personaggi illustri come Plinio Il Vecchio, Plinio il Giovane e Alessandro Volta, inventore della pila, al quale sono stati dedicati il tempio voltiano, il liceo classico e la piazza centrale.

La città, fondata nel 59 a.C. da Giulio Cesare, si affaccia su uno dei laghi più profondi d’Europa: il Lario, dove sono stati girati film italiani e hollywoodiani, fra cui Rocco e i suoi fratelli, Star Wars, Ocean’s Twelve, Casinò Royale, Che bella giornata. E molte sono le star del cinema che hanno trascorso le loro vacanze in questa località, acquistando addirittura un’abitazione, come ha fatto George Clooney. Arrivati a Como, il viandante ha l’imbarazzo della scelta. Tra i monumenti da visitare figurano la cattedrale, le chiese di San Giacomo e di San Provino, le Basiliche di San Carpoforo, di Sant’Abbondio e di San Fedele, il Broletto, la Torre del Baradello nonché gli edifici del quartiere razionalista, come la Casa del Fascio, Il monumento ai caduti, l’asilo Sant’Elia e il Novum Comum.

©fotoeg-Fotolia.com – Piazza San Fedele

Ma c’è anche una Como nascosta con le torri e mura medioevali, che cingono tutto il centro storico, e le sue innumerevoli ville immerse in scenari da favola ai piedi del quartiere di Brunate, famoso soprattutto nel 1800 e agli inizi del 1900. Qui ci sia arriva mediante la funicolare. Da quassù il panorama è spettacolare tanto che la vista si perde dinnanzi a così tanta bellezza.

©Careno – Fotolia.com
©Careno – Fotolia.com – Il duomo

Più giù, sulla riva occidentale della baia di Como, è possibile ammirare le dimore neoclassiche, fra cui Villa Olmo che, progettata da Simone Cantoni, fu il centro propulsore dell’illuminismo italiano; oggi è sede di mostre e di numerosi eventi anche internazionali. E… a proposito di musei ed eventi, non si può non visitare il Museo della Seta che, inaugurato il 4 Ottobre del 1990, espone gli oggetti, i documenti e i campionari provenienti dalle lavorazioni tessili della tradizione comasca. Molte anche le manifestazioni culturali in ogni periodo dell’anno. Gli amanti del teatro potranno assistere agli spettacoli del teatro stabile, mentre per i buongustai ce n’è per tutti i gusti anzi per tutti i palati grazie ai numerosi ristoranti, dove è possibile magiare le specialità del posto a base di pesce e formaggi. Una vacanza, dunque, all’insegna  della tranquillità e della cultura ma anche, per i più dinamici, dello sport con i percorsi di trekking.

©Photo Studio – Fotolia.com

DOVE DORMIRE

 Booking.com segnala hotel 3 e 4 stelle 

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
  • Palace Hotel & Centro Congress
  • Hotel Marco’s
  • Albergo Le Due Corti
  • Best Western Hotel Continental
  • Hotel Plinius
  • Locanda Oca Bianca
Per ulteriori informazioni: http://www.comotourism.it/
Maria Ianniciello

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube Marica Movie and Books.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI