Nicholas Sparks, Ogni respiro: trama e recensione del romanzo

Vi avevo anticipato sul mio profilo Instagram che avrei scritto un articolo sul nuovo libro di Nicholas Sparks, Ogni respiro (edito da Sperling & Kupfer), ed eccomi al computer, di fronte ad una pagina vuota mentre tanti pensieri si susseguono nella mia mente. Ho appena finito di leggere il romanzo e anche questa volta, come era accaduto in passato con altre storie dello stesso autore, provo già un po’ di nostalgia per le due serate trascorse in compagnia dei protagonisti di questo romanzo.

Non leggevo romanzi da un po’ eppure devo ammettere che leggerli mi acquieta e mi riporta a casa. L’appuntamento quotidiano con un libro è una sorta di rituale che fa davvero bene. Nicholas Sparks, poi, ha un’abilità particolare: riesce a raccontare i sentimenti e a farli percepire al lettore. Non è molto descrittivo: la sua scrittura è essenziale e le storie, che narra, possono apparire ai più anche un po’ prevedibili. Non è il caso di Ogni respiro perché il libro stupisce e coinvolge sino alla fine, anche se non riesce a riprodurre di nuovo su carta le sensazioni de Le parole che non ti ho detto che secondo me resta il miglior romanzo dello scrittore americano.

Dello stesso autore su Cultura & Culture La risposta è nelle stelle

Il libro ci porta comunque indietro nel tempo. Siamo agli inizi degli anni Novanta nel North Carolina. Hope e Tru si incontrano casualmente ed è subito amore. Lei, però, è già impegnata e desidera ardentemente avere dei figli ma il suo partner non sembra ancora pronto per il grande passo e per questo Hope è sul punto di lasciarlo. Lui è arrivato dall’Africa – dove vive e lavora come guida turistica di un safari –  per incontrare il padre biologico che non ha mai conosciuto. Tru ha già un figlio ed è divorziato. I due cominciano a frequentarsi e si innamorano però il destino ci mette lo zampino.

Trovi Ogni respiro qui

Nicholas Sparks Ogni respiro

Mi fermo qui con la trama perché non voglio rovinarvi la sorpresa. Posso solo aggiungere che le lettere sono il filo conduttore di Ogni respiro. Nicholas Sparks sembra avere quasi la mania delle missive forse proprio perché una lettera scritta a mano esercita ancora un grande fascino, più delle email, più di messanger… più whatsapp, che io considero strumenti moderni ed immediati eppure per molti aspetti artificiali e artificiosi. La calligrafia racconta al contrario sempre qualcosa di chi scrive arrivando al cuore di chi legge soprattutto quando si tratta di una storia d’amore. Insomma, vi consiglio di leggere Ogni respiro per evadere un po’ dallo stress quotidiano e per sognare grazie ad Hope e Tru senza grosse pretese ma sempre con il fazzoletto in mano.

m.i. 

 

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento