La tessitura nell’arte di Ilaria Margutti

Ilaria Margutti
Ilaria Margutti

Ilaria Margutti, docente e artista, come una moderna Moira, prende il filo di Ananke, il filo del destino, e con un lento, laborioso e taumaturgico lavoro di ricamo, ulteriormente arricchito da inserti di garza ed elementi naturali, va a scrivere, nei suoi ritratti di corpi e volti femminili, storie di donne. Sono le pagine di un percorso di maturazione artistica coraggioso e autentico. Nella mostra – che sarà allestita a Barberino del Mugello, in provincia di Firenze, dal 22 giugno al 20 luglio 2013 – come scrivono Lucrezia Naglieri e Lara Carbonara «l’ago è strumento della “creazione”; è pungente, serve a ferire, come pure a ricucire, chiudere, rammendare, ricostruire le linee della propria esistenza. E` un barometro, un momento, e uno zen: non lascia tracce e alla fine scompare». L’esposizione dal titolo “Il filo di Ananke. Scritto sulla pelle” di Ilaria Margutti è stata voluta amministrazione comunale di Barberino, da anni impegnata, insieme agli altri comuni mugellani, a sostenere e promuovere l’arte contemporanea.

Ilaria Margutti (Modena 1971), vive e lavora a Sansepolcro, dove svolge parallelamente l’attività artistica e quella di docente di disegno e storia dell’arte. Nel 1997 si diploma all’Accademia di Belle Arti di Firenze. Comincia a esporre i suoi lavori dal 1996: Janinebeangallery Berlino, Wannabeegallery – San Diego/Milano, MLBhomegallery – Ferrara, Bontadosi ArtGallery – Montefalco (PG).

Ilaria Margutti _ La Kore cucita _ 2013 _ ricamo a mano di seta tinta con erbe, spilli e tempera su tela_ 200x80 cm

Scheda tecnica

Mostra personale di arte contemporanea: Il filo di Ananke. Scritto sulla pelle

Artista: Ilaria Margutti

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

A cura di: Manuela Bacchiega

Testo critico di: Lucrezia Naglieri e Lara Carbonara

Luogo: Spazio espositivo di Palazzo Pretorio | piazza Cavour, 36 | Barberino di Mugello

Periodo: dal 23 giugno al 20 luglio 2013

Inaugurazione: sabato 22 giugno alle ore 18.30

Sarà possibile vedere la sua mostra domenica 23 giugno tutto il giorno, dalle 10.30 alle 13 e dalle 15 alle 22, e tutti i martedì sera dalle 20.30 alle 22.30. La mostra resterà inoltre aperta al pubblico, da lunedì 24 giugno a sabato 20 luglio, con i seguenti orari: lunedì 9 – 13, martedì 9 – 13 – 14.30 / 18.30 20.30 – 22.30, mercoledì 9 – 13, giovedì 9 – 13 / 14.30 -18.30, venerdì e sabato 9 – 13.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI