Dai miracoli alle tragedie

Il tratto della Napoli-Bari dove si è verificato l'incidente del pullman
Il tratto della Napoli-Bari dove si è verificato l’incidente del pullman

Fatti, realizzati contro legge e resi leciti da familismo, clientelismo, raccomandazione e corruzione, sono regali di titoli, di competenze e di efficienze, altrimenti impossibili: ignorati principi, leggi e buon senso, per dare, si afferma e si strilla, sempre in nome di libertà e di democrazia, a tutti possibilità di fare tutto. Qualifiche e professionalità non si negano a nessuno, in linea di principio, anche se in concreto sono riservate a pochi. Dagli asili infantili agli ospedali arrivano notizie spiacevoli ed anche dolorose: proprio come in politica, ove tutti sono bravi, ma le cose non vanno, a livello nazionale ed a livello locale. Bravi pure, ma non tanto da non far morire piccoli comuni e piccole realtà e da non far sparire gradualmente interi settori ed addirittura di mettere in forse la nazione italiana, che pure ha detto e dato al mondo: gli uomini sono grandi, ma spesso le realtà sono più grandi loro, che quindi si muovono seguendo l’istinto, per lo più avido, che accelera catastrofi, dalle quali solitamente non emergono i migliori. Quotidianamente ed anzitempo si muore dappertutto, forse anche perché qualcuno o qualcosa non ha funzionato come avrebbe dovuto.

Logica, buon senso e prevenzione vorrebbero la sostituzione del soggetto e del pezzo difettoso, spesso però impedita dalla legge e dalla superficialità. Allora di nuovo disgrazie, sciagure e pure stragi, che mettono in moto condoglianze, dispiaceri e dolori, veri soprattutto dei parenti delle vittime. Egoismo presuntuoso, esibizionismo stupido, inettitudine coperta fanno più morti di criminalità, pur fortemente presente su tutto il territorio nazionale, ma non sono considerati assassini, forse perché, a differenza della criminalità ordinaria, non hanno vittime designate, ma colpiscono nel mucchio il disgraziato che nemmeno se lo aspetta. Logica, buon senso e prevenzione sono espresse in libretti, in manuali di istruzioni ed in letteratura tecnica, oltre che in codici di sicurezza. Laddove costituzioni, cioè leggi delle leggi, non sono vissute non solo alla lettera, ma spesso non sono neanche conosciute, si accettano dello stato brado le conseguenze, che non si sanno e non si possono impedire. Pace a morti casuali, rispetto del dolore di prossimi e vera condanna di egoismo presuntuoso, di esibizionismo stupido e di inettitudine coperta.

n.m.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Nunziante Minichiello

Nunziante Minichiello
"Distribuisco cultura, quella che mi ritrovo, e cose che servono. La cultura è gratis; le cose che servono costano, ma a volte costano meno che altrove. Nei miei voti è la buona fortuna di tutti quanti". Questo è il motto di Nunziante Minichiello che su Cultura e Culture firma la rubrica "Il Terrone che non ci sta", riflessioni sul Mezzogiorno e sull'Italia, in generale, gli editoriali e alcuni articoli di attualità.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI