La realtà in bianco e nero di “The Giver. Il mondo di Jonas”

La trama e la recensione di The Giver. Il mondo di Jonas, uscito nelle sale l’11 settembre

Odeya Rush e Brenton Thwaites
Odeya Rush e Brenton Thwaites

E, se l’umanità perdesse la memoria collettiva e con essa le emozioni e tutte quelle caratteristiche fisiche che le innescano, come la capacità per esempio di percepire i colori, cosa accadrebbe? Come vivrebbe una società senza emozioni, senza individualità, senza talenti, e quindi senza la danza, senza la musica, senza la pittura, senza i libri, senza quel sapere che ci rende unici, saggi e creativi? L’uomo non sarebbe più volubile, irascibile, invidioso, arrabbiato con se stesso e con gli altri tanto da commettere le più ignobili azioni, come gli omicidi e i genocidi perpetuati attraverso guerre sanguinarie e crudeli? La scrittrice Lois Lowry ha immaginato una simile comunità e l’ha descritta in “The Giver. Il donatore” (edito in Italia da Giunti), un romanzo di formazione per gli adolescenti che s’inserisce nel nuovo filone della YA Generation (“Twilight”, “Hunger Games”, “Divergent”) e da cui è stato tratto il film “The Giver. Il Mondo di Jonas”, nelle sale dall’11 settembre e diretto dal regista australiano Phillip Noyce.

THE GIVERAl centro della pellicola una comunità di esseri umani omologata da un’iniezione mattutina e da una serie di regole rigide, fatte rispettare dal consiglio degli anziani, il cui capo è una donna (Meryl Streep). Gli esseri umani non vedono i colori, non provano emozioni, nemmeno il dolore della perdita (loro non hanno consapevolezza della morte che chiamano in altro modo), non amano e non hanno alcun tipo di rapporto sentimentale. I bambini sono partoriti da madri biologiche e infine affidati a nuclei familiari precostituiti, dove non c’è amore bensì solo rispetto. Questa società idilliaca (e non meno ipocrita) è stata creata proprio per evitare le guerre e le inimicizie, però un uomo senza memoria collettiva rischia di estinguersi commettendo sempre gli stessi errori, proprio perché privo dei ricordi delle esperienze delle generazioni passate; per evitare che questo accada gli anziani seguono i consigli di un donatore che conserva tutte le memorie (Jeff Bridges, che è anche uno dei produttori del lungometraggio).

Il protagonista del film però è Jonas (Breton Thwaites), un ragazzo che dimostra di avere delle caratteristiche uniche e che nel corso della “Cerimonia dei 12” è scelto come custode delle memorie, al quale il vecchio donatore deve trasmettere l’antico sapere durante il periodo di addestramento. Il rito iniziatico simboleggia il passaggio dall’adolescenza all’età adulta: Jonas compie ogni giorno un sensazionale viaggio nel lontano passato, fatto di passioni, di gioie, di sentimenti atavici ma anche di dolore, di morte, di guerre. La saggezza, acquisita attraverso il maestro e amico donatore, dà a Jonas il coraggio di amare nonché la forza e la tenacia di prefissarsi un importante obiettivo: ridare alla comunità le emozioni perdute e la libertà di scegliere e di conoscere quellaltrove, che – come per Truman di “The Truman Show” (1998) – era inesistente. Il messaggio di “The Giver. Il mondo di Jonas” è profondo, coinvolge e fa riflettere sul significato della vita e sulla società in cui viviamo che, nonostante le sue anomalie e i suoi lati negativi, non è poi così malvagia, forse perché il Tutto è in equilibrio: si conosce il dolore perché abbiamo memoria della felicità, si ha consapevolezza della pace perché sappiamo della guerra, riconosciamo l’amore perché abbiamo provato o visto l’odio. Insomma, ogni cosa è forse come deve essere?

Trailer: http://youtu.be/WmyQWGH7rzo

m.i. 

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI