La Grace di Monaco del film di Dahan? Inedita

Grace Kelly1

 

Recensione e Trama – Essere o non essere, questo è il problema, affermava Amleto. Un dubbio atroce, antico quanto il mondo, che affligge e condiziona un’altra regnante, realmente esistita: Grace Kelly. L’eterno conflitto tra essere e apparire è al centro del film “Grace di Monaco”, diretto dal regista francese Olivier Dahan, con Nicole Kidman nella parte della principessa monegasca. Una vita fatta di protocolli da rispettare sempre, anche nel privato dove non c’è spazio per dimostrazioni d’affetto, poiché le apparenze vanno sempre preservate soprattutto in un momento di crisi come quello attraversato negli anni Sessanta dal secondo Stato più piccolo del mondo. Grace si era sposata nel 1956 con il principe Ranieri (nel film di Dahan interpretato da Tim Roth). Le nozze furono definite da favola. Nel 1962 la principessa aveva due figli e un conflitto da risolvere, dentro e fuori se stessa, che non le dava pace: tornare al Cinema, accettando la parte offerta da Alfred Hitchcock, oppure adempiere ai doveri di moglie, madre e regnante, rinunciando per sempre a Hollywood? Questo il dilemma interno; l’altro problema da risolvere riguardava invece il principato, la cui modernizzazione subì una frenata piuttosto brusca quando il presidente della vicina Francia, De Gaulle, minacciò di estendere il sistema fiscale francese sul piccolo regno e di invaderlo. Grace aiutò e supportò il marito, sacrificando parte della sua felicità, perché la famiglia, per lei, era tutto e Monaco rappresentava la sua casa.

grace4

 

grace2La pellicola, che ha aperto il Festival di Cannes tra le polemiche, racconta il 1962 di Grace Kelly, con primi e primissimi piani che ben mettono in evidenza la sofferenza, ma anche la determinazione, di una donna coraggiosa. Nicole Kidman è perfetta in questo ruolo: regale, dolce, ma anche autorevole, l’attrice australiana ci ha consegnato una Grace di Monaco inedita. Ovviamente quello che accadde nel 1962 alla famiglia Grimaldi non è dato saperlo con certezza, ma la straordinaria somiglianza tra Nicole e Grace, i favolosi costumi e soprattutto le fotografie di Eric Gautier, che s’ispirano al Cinema di Hitchcock, rendono questo film degno di essere visto e apprezzato fino in fondo, perché ogni dettaglio non è stato lasciato al caso. Pretendere che il cinematografo sia sempre fedele ai fatti è sbagliato, oltre che controproducente. Il Cinema è Arte. La funzione di conoscere e divulgare le vicende realmente accadute spetta invece agli storici!

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Trailer: http://youtu.be/Yyd0tqpNxwU

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI