8 novembre 2012
Redazione (4050 articles)
Share

FITNESS ECONOMIA, ITALIA TERZA NEL MONDO

© Gina Sanders – Fotolia.com

L’elemento dominante dell’economia reale è la diversificazione dei prodotti e non la specializzazione, come invece prevede la teoria standard della crescita economica. È quanto emerge da uno studio pubblicato sull’ultimo numero di ‘Scientific Reports’ (la nuova rivista interdisciplinare del gruppo “Nature”) da un gruppo di ricercatori dell’Istituto dei sistemi complessi del Consiglio nazionale delle ricerche (Isc-Cnr) guidato da Luciano Pietronero.

«Analizzando i database dell’export si osserva che a ogni paese corrisponde un limite massimo per la qualità o complessità dei suoi prodotti, al di sotto del quale esiste una vasta e variegata distribuzione di prodotti, anche molto semplici – osserva Luciano Pietronero, direttore dell’Isc-Cnr – La diversificazione, come strategia economica, richiama i concetti della biologia sull’adattabilità delle specie. Si potrebbe quindi ipotizzare che in un contesto statico la specializzazione costituisca un elemento prioritario, mentre in un contesto fortemente dinamico come quello dato dalla globalizzazione, la maggiore competitività derivi al contrario dalla diversificazione».

Per verificare tale ipotesi e quantificare l’effetto della diversificazione, il gruppo ha sviluppato una metrica non monetaria, che definisce il potenziale industriale di ciascun paese (fitness) come somma dei prodotti esportati, ciascuno dei quali ‘pesato’ per qualità o complessità. «Il confronto tra fitness e Pil pro capite consente di definire il potenziale inespresso (intangibile) di un paese e quindi di prevederne lo sviluppo economico. Ci si aspetta che un paese con alta fitness e basso Pil pro capite sia destinato a crescere, mentre uno caratterizzato da condizioni opposte sia in una situazione di rischio, salvo che non sia ricco di materie prime destinate all’esportazione», prosegue il direttore dell’Isc-Cnr.

«All’interno della generale diminuzione del potenziale industriale misurato nei paesi sviluppati, l’Italia conserva una fitness molto elevata, la terza al mondo dopo Germania e Cina. L’economia industriale italiana appare infatti fortemente diversificata e comprende prodotti di notevole complessità, anche se i volumi di esportazione risultano limitati, riflettendo l’organizzazione in piccole e medie imprese che ci caratterizza – osserva Pietronero – Applicata alle dinamiche economiche osservate tra il 1995 e il 2010 nei quattro paesi Bric, la nuova metrica rivela poi grandi e finora non apprezzate differenze: al contrario di quanto avvenuto in India e Cina, il potenziale industriale di Brasile e Russia è diminuito nel corso degli anni e l’aumento del Pil pro capite in questi paesi è il risultato dell’aumento dell’esportazione di materie prime».

Conclude il direttore dell’Isc-Cnr: «Partendo dai moltissimi dati ‘sperimentali’ disponibili si possono introdurre nuove metriche e misurare nuove quantità. Questo tipo di analisi può fornire una nuova prospettiva per la pianificazione industriale di un paese, permettendo di predirne la crescita e di analizzarne i rischi».

Tags Attualità
Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.