20 novembre 2012
Redazione (4050 articles)
Share

CONTRAFFAZIONE, UN DANNO PER L’ECONOMIA

© Raven – Fotolia.com

Si sono svolti ieri a Milano gli Stati Generali sulla Contraffazione, un convegno per riflettere su un tema attualissimo che danneggia, e non poco, l’economia italiana, interessando l’intero tessuto produttivo. «La contraffazione comporta un danno all’agroalimentare di 1,1 miliardi di euro. Una vera e propria aggressione alle produzioni del nostro Paese che crea una perdita economica e d’immagine enorme, che vale quasi 40 mila posti di lavoro del settore», ha detto il delegato per l’Expo e presidente di Confagricoltura Milano–Lodi, Antonio Boselli, intervenendo al convegno.

«La contraffazione – ha spiegato Boselli –  è un fortissimo attacco al sistema agricolo e a tutto l’agribusiness che rappresentano oltre il 15 per cento del Pil del Paese e garantiscono più del 10% dell’occupazione nazionale. È difficile difendere l’immagine dei nostri prodotti agroalimentari perché non esiste ancora una legislazione efficace in campo internazionale che consenta una adeguata protezione – ha ricordato il rappresentante di Confagricoltura -. Più che di iniziative private, come la costituzione di nuovi marchi nazionali, siamo convinti che l’azione prioritaria di tutte le componenti produttive e istituzionali italiane debba essere l’impegno in ogni sede internazionale, affinché vengano attuati ed ampliati gli strumenti legislativi a tutela delle produzioni agroalimentari».

Per combattere il fenomeno, sarà fondamentale il previsto organismo europeo per la lotta all’agropirateria, che Confagricoltura si augura assuma le caratteristiche di un’agenzia ‘di intelligence’ in grado di effettuare i controlli e perseguire i colpevoli.  Serve anche un intervento, in sede WTO, per tutelare il sistema comunitario delle indicazioni geografiche, degli standard tecnici in campo ambientale e sociale. «Nel settore agroalimentare – ha ribadito Boselli – occorre potenziare anche l’azione informativa sui rischi per la salute dei prodotti contraffatti e sui danni che vengono causati all’economia del nostro Paese».

L’indagine su “La percezione della contraffazione tra i consumatori”, commissionata dalla Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione e realizzata in collaborazione con alcune associazioni dei consumatori, presentata lo scorso giugno, evidenzia difatti, ad avviso di Confagricoltura, che c’è molto da fare anche per l’educazione dei consumatori. Difatti, pur se il 90 per cento del campione sa che comprare prodotti contraffatti è un reato e il 70 per cento è consapevole che la contraffazione alimenta la criminalità organizzata e conosce potenziali rischi per la salute, quasi il 73 per cento degli acquirenti dichiara di non sentirsi in colpa nei confronti del fisco. Le motivazioni dell’acquisto della merce contraffatta rimangono per lo più di natura economica: il prodotto contraffatto è percepito come più conveniente.

Tags Attualità
Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.