11 agosto 2012
Redazione (4056 articles)
Share

CENSIS: NELLA CASA DEGLI ITALIANI VINCE LA STANZA MULTIUSO

© Apops - Fotolia.com

La casa è sempre stata uno spazio intimo, un posto in cui allontanarsi dal mondo esterno, in cui rifugiarsi e ritrovare serenità. Oggi, anche grazie alle moderne tecnologie, si è rivoluzionato il modo di vivere la casa, che è diventata sempre più un luogo multifunzionale, in cui svolgere diverse attività. Questi i risultati emersi dalla ricerca condotta da Censis sul modo in cui gli italiani si rapportano al loro appartamento e su quali sono gli spazi domestici più utilizzati. In cima alla graduatoria c’è il soggiorno, ambiente comune multiuso, non a caso chiamato dagli anglosassoni «living room», definizione che sottolinea la dimensione di relax e socializzazione. È oggi il luogo preferito dagli italiani per guardare la televisione (lo fa il 52,7 per cento), ma anche per leggere libri e giornali (35,1 per cento), e persino per navigare in Internet (27,8 cento).

Questa prevalenza deriva anche dal cambiamento sia della struttura sociale, sia delle stesse abitazioni. Abbiamo assistito in questi anni alla progressiva riduzione della dimensione media delle famiglie, con la diminuzione delle coppie con figli (-4,8 per cento tra il 2000 e il 2010) e soprattutto con il boom del numero di persone che vivono da sole (+38,9 per cento) e delle coppie senza figli (+20,2 per cento).

Il mutamento della struttura famigliare ha portato anche a un cambiamento nel modo di vivere gli spazi domestici, con l’utilizzo di pochi ambienti quando l’appartamento è grande, oppure l’acquisto di unità immobiliari di superficie contenuta. Nel 2011 in Italia i monolocali e le abitazioni di taglio piccolo hanno rappresentato ben il 35 per cento del numero totale delle compravendite.

Più la famiglia e la casa si rimpiccioliscono, più è probabile che l’ambiente di vita domestico coincida con il soggiorno. I giovani e gli anziani, tuttavia, rappresentano un’eccezione. Nei comportamenti quotidiani, i ragazzi tra i 14 e i 29 anni si distaccano fortemente dalle altre fasce di età in quanto tendono prevalentemente a confinarsi nei propri spazi. La maggior parte legge libri e giornali (42,3 per cento), naviga in Internet (38,4 per cento) e ascolta la radio (30 per cento) nella propria camera da letto, mentre in seconda battuta i giovani tendono a spostarsi indifferentemente nei vari ambienti della casa. Di contro, le fasce di età più elevata (65-80 anni) preferiscono svolgere queste attività negli spazi comuni dell’abitazione, ma oltre al soggiorno attribuiscono una notevole importanza alla cucina. Nel caso della tv, la percentuale di anziani che la guardano in cucina è pari al 37,9 per cento, nel caso della radio la percentuale è del 27,6 per cento, per la lettura è il 22,2 per cento. La televisione sembra ridurre in parte le differenze intergenerazionali, dato che viene vista prevalentemente in soggiorno senza differenze significative in relazione all’età.

«Oltre alla crisi, a far restare più a casa gli italiani sono le tecnologie che hanno trasformato lo spazio domestico in un luogo di lavoro, in una centrale per l’informazione, per lo svago e per la lettura», ha detto Giuseppe Roma, direttore generale del Censis, commentando i dati. «Abbiamo case più piccole per famiglie più piccole che fanno però molte attività diverse. Per i progettisti e le imprese di costruzione la sfida è pensare nuove tipologie residenziali non più basate sulle vecchie divisioni funzionali in zona giorno e zona notte, ma come total body utilizzabili 24 ore su 24. Un movimento culturale che potrà servire pure a riaccendere il desiderio immobiliare», ha concluso Roma.

Senza dubbio la casa è destinata in futuro a essere sempre più tecnologica. Ma verso quali dotazioni si indirizza in questo momento la domanda delle famiglie? La tecnologia nettamente più richiesta è quella oggi meno presente in casa, cioè quella legata al risparmio energetico. Il tema è segnalato da ben il 51,8 per cento degli intervistati, senza divari significativi in relazione all’età, segno che l’attuale fase di crisi, il dibattito sulla questione energetica e ambientale, nonché l’introduzione delle detrazioni fiscali per chi investe sull’efficienza energetica del proprio immobile, in questi ultimi anni hanno fatto crescere nelle famiglie italiane una forte consapevolezza della centralità del tema.

Tra le tecnologie di cui si sente maggiormente il bisogno seguono i dispositivi antifurto per la sicurezza domestica, la cui necessità è messa in primo piano da circa un quarto del campione (24,3 per cento). Grazie soprattutto al peso delle risposte delle fasce di età più elevate, si collocano in terza posizione le tecnologie di supporto all’assistenza degli anziani, come i dispositivi salvavita e di telesoccorso, i rivelatori di fumo, ecc. (16,9 per cento). Per circa il 30 per cento degli intervistati tra 65 e 80 anni questa è la tecnologia domestica oggi più utile. Infine, segnalano come prioritarie le tecnologie dell’intrattenimento domestico (home theatre, ecc.) e quelle legate al web (wireless, ecc.) soprattutto i residenti delle grandi aree urbane (le città con più di 500mila abitanti).

Tags Attualità
Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.