BEPPE ALFANO, GIORNALISTA UCCISO DALLA MAFIA

Foto: soniaalfano.it

Il prossimo 8 gennaio 2013 saranno passati vent’anni dalla sera in cui il giornalista Beppe Alfano venne ucciso dalla mafia a Barcellona Pozzo di Gotto (Messina). Era il 1993, il periodo stragista. Vent’anni difficili, sempre alla ricerca della verità e dei veri mandanti dell’omicidio dell’ultimo giornalista ucciso dalla mafia in Sicilia.

Un momento importante, non solo per non dimenticare, ma soprattutto per fare un bilancio sulla lotta alla mafia in Sicilia, in Italia ed anche in Europa. E’ per questo che un cartello di associazioni, unitamente alla famiglia Alfano, ha organizzato una due giorni di eventi prestigiosi. Si comincia domani, 7 gennaio, con un inedito vertice internazionale tra le varie forze di polizia. Sarà una giornata di studi sul tema del contrasto alle mafie, suddivisa in tre parti: uno dedicato alle tecniche investigative, uno relativo alla cooperazione giudiziaria, uno sul ruolo del giornalismo investigativo e dell’informazione. Parteciperanno i più importanti organismi nazionali, europei ed internazionali impegnati nel contrasto alle mafie. Tra questi Fbi, Dea, Bka, Interpol, Europol, la DIA, lo SCICO, oltre ad importanti magistrati antimafia e giornalisti, italiani e non. Previsti un contributo di Roberto Saviano e la presenza del figlio della giornalista Anna Politkovskaja. Per la serata è previsto lo spettacolo teatrale (con ingresso gratuito) di Giulio Cavalli, consigliere regionale lombardo e attore impegnato nella denuncia della ‘ndrangheta attraverso le sue opere.

Quella dell’8 gennaio sarà la giornata dedicata alla memoria. Al Palazzetto dello Sport di Barcellona P.G., alla presenza di centinaia di studenti provenienti da tutta la Sicilia, si svolgerà il dibattito sul tema: “La mafia odia la cultura, legalità e scuola per un futuro migliore”. Da sottolineare il contributo di testimoni di giustizia, familiari di vittime di mafia, esponenti della società civile e istituzioni. Infine, il pomeriggio dell’8 gennaio, dopo la Messa al Duomo di Santa Maria Assunta (celebrata da don Luigi Ciotti) e l’intitolazione a Beppe Alfano della piazza antistante la casa del giornalista, si terrà un convegno proprio sull’omicidio e sul percorso ormai ventennale che aspetta di giungere a fare completa luce su quei fatti.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI