Non solo film

The outsider: recensione della serie tv di Stephen King

L’outsider è colui che esce dagli schemi precostituiti. Costui dà una lettura, spesso, diversa di ciò che accade andando oltre i pregiudizi e lo spazio conosciuto. L’outsider serve all’umanità come l’ossigeno. Ma bisogna essere un po’ folli per andare oltre, perché alla fine la paura di essere scacciati dal branco pervade l’essere umano sin da quando è in fasce. Eppure c’è qualcuno che si spinge oltre, come ci insegna Stephen King nel suo libro The outsider, che è diventato anche una serie televisiva du HBO, andata in onda in Italia fino al 16 marzo 2020 su Sky Atlantic.

the outsider

Qui trovi il romanzo di Stephen Kind da cui è tratta la serie

The outsider: recensione (podcast in calce)

Stephen King, con Richard Price, crea un prodotto avvincente. Suddivisa in dieci episodi, The outsider è una serie televisiva ricca di simboli e metafore che parla all’uomo e alla donna di oggi facendoci riflettere non sul senso della giustizia bensì sull’eterna dialettica tra ragione e intuito.  

La macchina da presa si muove abile in una piccola cittadina degli Stati Uniti, dove si consuma un efferato omicidio ai danni di Frankie Peterson, un ragazzino di undici anni. In un primo momento le prove sembrano inchiodare l’allenatore e tranquillo padre di famiglia, Terry Maitland (Jason Bateman), eppure c’è qualcosa di oscuro che sfugge all’occhio allenato del detective, Ralph Anderson (Ben Mendelsohn), già provato dalla morte del figlio.

the outsider

Le cose si complicano per la polizia (non posso dire altro per non fare spoiler) che è così costretta a contattare Holly Gibney (Cynthia Erivo), una strana investigatrice dal passato tormentato. Il razionale Ralph e l’intuitiva Holly indagheranno su questa forza misteriosa che annichilisce gli individui coinvolti e che, per sopravvivere si diffonde da persona a persona, proprio come un virus o come il panico, che – come scrive lo stesso Stephen King – è estremamente contagioso.

Nel complesso The Outsider è una buona serie tv che verso il finale purtroppo perde un po’ l’incisività e il ritmo delle prime puntate. (Marica Movie and Books)

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento

shares