culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Non solo film

Seven Sisters: trama e recensione della pellicola

Avevo sottovalutato il film Seven Sisters e invece, nella sala cinematografica, non molto gremita ma sicuramente silenziosa, mi sono dovuta ricredere già dalla prima sequenza. Di già visto in Seven Sisters c’è ben poco, se non altro alcuni concetti chiave, che si ripetono spesso nelle pellicole di fantascienza di ultima generazione. Siamo nel 2073. Affidandosi alla voce di una giornalista televisiva, il regista ci mostra cosa è accaduto sul pianeta: siccità, carestie, sovrappopolamento. I metodi per arginare questi fenomeni sono efferati e spesso, come accade nell’ultimo periodo in questo tipo di film, le redini sono tirate da una donna spietata e conformista (ricordate Meryl Streep in The Giver – Il mondo di Jonas?). A dimostrazione che il potere ammalia entrambi i generi. E, se in Divergent il ruolo della dispotica Jeanine Matthews era stato affidato a un’attrice come Kate Winslet, in Seven Sisters la cattiva ha il volto di Glenn Close, più spigolosa nei tratti somatici e nel carattere della collega tanto da sembrare l’arcigna matrigna di Biancaneve e non una leader istituzionale.

Seven Sisters trama

La trama di Seven Sisters è piuttosto particolareggiata e sicuramente innovativa. Per ridurre le nascite si adotta la strategia del figlio unico, gli altri bambini nati dalla stessa coppia saranno ibernati (altro tema molto in voga, ricordate il film Passengers?). Ma una donna mette al mondo sette bambine; purtroppo la partoriente non sopravvive e a prendersi cura delle gemelle è il nonno materno (Willem Dafoe) che le protegge dall’ibernazione addestrandole, chiudendole in un appartamento e dando alle bambine i nomi della settimana.

Le sette sorelle dovranno far finta di essere la stessa persona (Karen Settman) e ciascuna potrà uscire solo il giorno della settimana di cui porta il nome per sfuggire alle grinfie del Bureau. A dare il volto alle gemelle è una straordinaria Noomi Rapace (l’abbiamo vista in diversi lungometraggi, tra cui Uomini che odiano le donne) che riesce a destreggiarsi egregiamente  tra le varie personalità. Seven Sisters – con la regia di Tommy Wirkola – non è privo di sbavature e di certo non è un capolavoro del genere fantascientifico ma riesce ad appassionare. E non è poco!

 

Seven Sisters trama

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares