Non solo film

Ficarra e Picone: “Apriti cielo”, la recensione

testata-tour2013Una grande amicizia lega Salvatore Ficarra e Valentino Picone. Sulla scena come nella vita. Come si è evinto ieri sera, 13 novembre, al Teatro Carlo Gesualdo di Avellino, dove il duo siciliano ha allestito la nuova esilarante commedia “Apriti cielo”, scritta dopo quattro anni di assenza dai palcoscenici teatrali. “Apriti cielo” è uno spettacolo divertente, che fa ridere e riflettere sulle contraddizioni dell’Italia, un Paese ancora bigotto, che dietro le malefatte vuole salvare le apparenze, mostrandosi ridicolo.

La commedia, che ha un unico atto, è però suddivisa in quadri. Tra una scena e l’altra i riflettori si abbassano, lasciando il palcoscenico nella penombra, ma il sipario resta aperto, e come… per magia tutto cambia, anche le tonalità delle luci. Una metamorfosi che interessa e coinvolge lo spettatore, che si sente così partecipe. I colori delle scenografie sono vivaci e forti, come anche i costumi a cura di Daniela Cernigliaro, indossati dai due protagonisti, unici interpreti di loro stessi, che calcano il palcoscenico con la disinvoltura e l’affiatamento di sempre. Si passa dall’arancione all’azzurro del cielo nel finale, durante il quale Ficarra e Picone sono in Paradiso, dove devono compilare una serie di moduli, trovandosi di fronte così a una burocrazia fin troppo macchinosa che pensavano di aver lasciato “nell’aldiqui”, in Italia.

Quando la commedia ha inizio e il sipario si apre, come da copione, i due comici non sono ancora sul palcoscenico. Ci arrivano qualche istante dopo, accolti da un caloroso e lungo applauso. Comincia così una serie di divertenti gag. All’inizio Ficarra e Picone vestono i panni di due elettricisti che devono aggiustare il televisore nell’appartamento di un uomo, deceduto a pochi passi da loro. I due si trovano sulla scena del delitto ma non se ne accorgono. Continuano invece a prendersi in giro. Salvo è una persona logorroica fino all’inverosimile e si diverte nel raccontare a Valentino, quasi per intero, tranne che per il finale, i film che ha visto. Ficarra, tra i due, è quello più astuto, che sa sempre come risolvere ogni problema e che ridicolizza le debolezze dell’amico. Da sempre, sin dall’infanzia. Ma in fondo l’amicizia prevale su ogni cosa, anche sulla morte, di fronte alla quale tutto perde di valore tranne che i rapporti autentici, come quello instaurato da Ficarra e Picone, i comici che sanno far ridere con eleganza.

“Apriti cielo”  è una commedia da non pedere. Gli avellinesi potranno assistere  alla performance dei  famosi attori siciliani questa sera, 14 novembre, in replica al Teatro Carlo Gesualdo, alle 21. Mentre domani sera i due interpreti saranno a Cassino, presso il Teatro Manzoni.

Per info sul tour invernale: www.ficarraepicone.it/tour-2013-apriti-cielo.html

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento

shares