Libri: recensioni & interviste

Trainink: quando la street art si fa in casa

@ Trainink
@ Trainink

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

E se la street art prendesse forma comodamente a casa nostra? Se un appassionato di arte di strada potesse dedicarsi al suo hobby senza doversi nascondere e senza agire nell’illegalità? Domande, queste, a cui devono aver pensato Alessandro “Dogo” e Christian “Dep”, i due giovani fondatori di Trainink, una nuova realtà imprenditoriale che sul sito www.trainink.net e all’interno del milanese Spectrum Store di via Felice Casati propone tele e complementi da arredo da utilizzare per dare sfogo alla propria creatività o semplicemente per creare un pizzico di atmosfera urban style. La street art è una forma di arte che si manifesta, come si sa, nell’illegalità. Benché stiano aumentando i casi di istituzioni che mettono a disposizione dei writer spazi per mettersi alla prova con la creatività o che catalogano i graffiti esistenti per dare loro una vera valenza artistica, l’arte di strada continua a essere, nella maggior parte di casi, una forma di espressione fuori legge: le scritte si susseguono sui muri delle città e chi le ha realizzate ha dovuto fare i conti con la paura di essere “scoperto”.

@ Trainink
@ Trainink

Da sempre appassionati di graffiti, rap, skate e di tutto quello che gira intorno alla cultura Hip Hop, i due giovani imprenditori hanno quindi immaginato un modo nuovo e originale per rendere la street art alla portata di tutti e mettere facilmente alla prova sia i neofiti della bomboletta che gli esperti di grafica. Ed è così che è nata l’idea di Trainink, una parola che porta alla nostra mente il concetto di “training”, di “allenamento”, e che contemporaneamente è unione di “treno” e “inchiostro”. Sì, perché qual è l’oggetto su cui i writer amano particolarmente realizzare le loro opere? Sicuramente i treni, motivo per il quale le tele e i complementi d’arredo raffigurano proprio dei vagoni della metropolitana, sui quali poter dare forma al proprio graffito. «Se sei un appassionato di writing – spiegano i fondatori – potrai trovare nella tela un posto dove sfogare la tua passione: niente corse, fughe e nascondigli ma la possibilità di realizzare, comodamente a casa tua e in modo legale, il “pezzo” come se fossi davvero davanti ad un treno. Le tele – continuano – sono realizzate internamente a mano usando solo legno di abete massello e cotone misto poliestere, tessuto perfetto – concludono – per l’utilizzo di vernici acriliche e ad acqua, e sono disponibili in due versioni mini (23x6x3,5.) e regular (60x15x3,5)».

 

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Valentina Sala

Giornalista pubblicista. Tra i suoi campi di interesse soprattutto viaggi e cultura. Dopo una laurea di primo livello in Scienze della Comunicazione consegue la specialistica in Editoria con il massimo dei voti e con una tesi sul rapporto tra letterati e città, ricostruendo la Parigi di Émile Zola e la Vienna di Joseph Roth. Collabora con più giornali e riviste e affianca alla professione giornalistica quella di insegnante di Psicologia della Comunicazione. Tra le sue passioni i romanzi capaci di raccontare un luogo e un’epoca, i film di François Truffaut, il buon cibo, le città europee e, soprattutto, il viaggio inteso come modo per scoprire e confrontarsi con realtà diverse.

Commenta