culturaeculture non ha pubblicità da maggio 2020. Contiamo sull'aiuto dei nostri lettori, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Dona ora!

Libri: recensioni & interviste

NOVECENTO, SECOLO DI INTELLETTUALI E POLITICI

Novecento (Laterza, pp. 430, Euro 22,00) è un libro che racconta la storia, ma è anche biografia e trattato etico. È un libro sul passato e sul futuro al quale dovremmo aspirare. Un libro sulla vita del pensiero e sulla vita pensante. Questo libro ‘parla’ del ventesimo secolo che «comincia con una guerra mondiale catastrofica e finisce con il crollo della maggior parte dei sistemi di credenze dell’epoca: non può certo attendersi un trattamento affettuoso a posteriori. Dai massacri degli armeni alla Bosnia, dall’ascesa di Stalin alla caduta di Hitler, dal fronte occidentale alla Corea, il ventesimo secolo è un incessante susseguirsi di sventure umane e sofferenze collettive dalle quali siamo emersi più tristi, ma più saggi».

Questa è una storia delle idee politiche moderne in Europa e negli Stati Uniti, di parole come potere e giustizia, così come sono state intese dalla fine del diciannovesimo secolo all’inizio del ventunesimo. È una riflessione sui limiti (e sulla capacità di rinnovamento) delle idee politiche, e sulle carenze (e sugli obblighi) morali degli intellettuali. È anche il racconto del secolo che ha incrociato la vita e il percorso intellettuale di Tony Judt, un suo ineguagliato, superbo narratore.

Eric J. Hobsbawm, amico dell’autore, racconta: «Entrambi, io e Judt, sapevamo che il XX secolo poteva essere capito appieno solo da coloro che sono diventati storici perché hanno vissuto quel secolo e condiviso le sue passioni fondamentali: cioè la convinzione che la politica sia stata la chiave di volta sia delle nostre verità che dei nostri miti».

Tony Judt è stato il più influente intellettuale americano. Ha insegnato a Cambridge, Oxford, Berkeley e alla New York University, dove ha diretto l’Istituto Remarque, fondato nel 1995 e dedicato allo studio dell’Europa. Autore e curatore di un gran numero di libri, è stato collaboratore abituale della “New York Review of Books” e del “New York Times”. Il suo Postwar. A History of Europe Since 1945 (edito in Italia da Mondadori), premio Council on Foreign Relations Arthur Ross, è stato considerato uno dei dieci migliori libri del 2005 dalla “New York Times Book Review’s”. Nel 2007 Tony Judt ha ricevuto il premio Hannah Arendt e nel 2009 ha vinto il premio Orwell.

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha pubblicità da maggio 2020. Contiamo sull'aiuto dei nostri lettori, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Dona ora!

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Lascia un commento

shares